Contenuti illeciti online, la Commissione Ue scende in campo

Autorità e normativeNormativaSicurezza
I contenuti di Rai Cinema in esclusiva su Timvision

Le misure proposte fanno seguito alle conclusioni del Consiglio europeo del giugno 2017, ribadite dai leader del G7 e del G20 e costituiscono un primo elemento del pacchetto antiterrorismo annunciato dal Presidente Juncker

Per contrastare contenuti illeciti online scende in campo la Commissione europea che ha presentato orientamenti e principi per le piattaforme online per rafforzare la prevenzione, l’individuazione e la rimozione proattivi dei contenuti che incitano odio e violenza.

Le misure proposte fanno seguito alle conclusioni del Consiglio europeo del giugno 2017, ribadite dai leader del G7 e del G20, e costituiscono un primo elemento del pacchetto antiterrorismo annunciato dal Presidente Juncker. Contribuiranno a rendere più efficace la lotta contro i contenuti illeciti e faranno progredire i lavori in corso per creare un’autentica ed efficace Unione della sicurezza e un mercato unico digitale più forte.

Wind e Vodafone, firmata lettera d'intenti per la banda ultralarga
Wi tutela dei diritti fondamentali come la libertà di espressione.”

Andrus Ansip, Vicepresidente responsabile per il Mercato unico digitale, ha affermato: “L’Ue sta rispondendo in modo deciso alla sfida posta dai contenuti illeciti online. Stiamo facendo in modo che sia più facile per le piattaforme adempiere il proprio dovere, in stretta cooperazione con le autorità di contrasto e con la società civile. I nostri orientamenti comprendono garanzie per evitare la rimozione di contenuti leciti e assicurare la trasparenza e la trasparenza e la tutela dei diritti fondamentali come la libertà di espressione”.

“Lo Stato di diritto si applica tanto online quanto offline. Non possiamo accettare un Far West digitale. Dobbiamo agire. Il codice di condotta concordato con Facebook, Twitter, Google e Microsoft dimostra che un approccio basato sull’autoregolamentazione può essere un buon esempio e dare risultati. Tuttavia, se le imprese del settore tecnologico non onoreranno i propri impegni, noi lo faremo”, ha affermato Vĕra Jourová, Commissaria per la Giustizia, i consumatori e la parità di genere.

Il mondo digitale offre opportunità senza precedenti ma, nelle mani sbagliate, rappresenta una grave minaccia per la nostra sicurezza. Le società del web hanno un ruolo centrale nella rimozione del materiale terroristico online e devono quindi intensificare gli sforzi e assumersi responsabilità sociali nell’era digitale“, ha affermato che Julian King, Commissario dell’Unione europea responsabile per l’Unione della sicurezza.
Mariya Gabriel, Commissaria responsabile per l’Economia e la società digitali, ha dichiarato: “La Commissione ha deciso di affrontare con decisione il problema dei contenuti illeciti online. La situazione non è sostenibile: in oltre il 28% dei casi le piattaforme online impiegano più di una settimana per rimuovere i contenuti illeciti. Oggi trasmettiamo loro un chiaro segnale affinché agiscano in modo più responsabile, il che è fondamentale per i cittadini e per lo sviluppo delle piattaforme.”

Le 6 previsioni di Fortinet per il 2017
La sicurezza della rete

Con l’aumento dei contenuti illeciti online, compresi la propaganda terroristica e i discorsi xenofobi e razzisti che incitano alla violenza e all’odio, le piattaforme online hanno un ruolo sempre più importante e devono assumersi maggiori responsabilità sociali. I nuovi orientamenti presentati oggi le esortano a intensificare ulteriormente gli sforzi per impedire la diffusione dei contenuti illeciti. Dato il ruolo sempre più importante che rivestono nel fornire l’accesso alle informazioni, la Commissione si aspetta che le piattaforme online agiscano rapidamente nei prossimi mesi, soprattutto sul fronte dell’incitamento al terrorismo e all’odio, già vietato dalla normativa UE sia online che offline.

Come primo passo per contrastare efficacemente la pubblicazione di contenuti illeciti online, la Commissione propone strumenti comuni per individuare, rimuovere e prevenire rapidamente e in modo proattivo la loro ricomparsa:
· Individuazione e notifica: le piattaforme online dovrebbero cooperare più strettamente con le autorità nazionali competenti, designando punti di contatto a cui ci si possa rivolgere rapidamente per rimuovere i contenuti illeciti. Per accelerare l’individuazione, le piattaforme online sono invitate a collaborare strettamente con flagger attendibili, vale a dire servizi specializzati con conoscenze specialistiche su quali siano i contenuti illeciti. Inoltre, dovrebbero istituire meccanismi facilmente accessibili per consentire agli utenti di segnalare i contenuti illeciti e di investire in tecnologie di rilevazione automatica.
· Rimozione effettiva: i contenuti illeciti dovrebbero essere rimossi il più rapidamente possibile, ed essere eventualmente soggetti alla rimozione entro tempi specifici, se possono causare gravi danni, come nel caso dell’istigazione a commettere atti terroristici. La questione della fissazione di tempi specifici per la rimozione sarà oggetto di ulteriore analisi da parte della Commissione. Le piattaforme dovrebbero spiegare chiaramente agli utenti la loro politica relativa ai contenuti e pubblicare relazioni in materia di trasparenza in cui siano specificati il numero e i tipi di notifiche ricevute. Le società del web dovrebbero introdurre anche garanzie per prevenire il rischio di rimozione di contenuti leciti.
· Prevenzione della ricomparsa di contenuti illeciti: le piattaforme dovrebbero adottare misure dissuasive per evitare il caricamento ripetuto di contenuti illeciti da parte degli utenti. La Commissione incoraggia vivamente l’ulteriore utilizzo e sviluppo di strumenti automatici per prevenire la ricomparsa di contenuti già rimossi.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore