Convegno sui saperi: non solo Creative Commons

NetworkProvider e servizi Internet

La discussione su tecnologie e saperi copre un ampio ventaglio di temi: dal problema del copyright alla brevettazione del software. Ipotesi di soluzioni in convegno a Firenze

Cercasi modelli di innovazione in grado di garantire uno sviluppo duraturo e socialmente sostenibile: questo potrebbe essere il sottotitolo di un conegno, tenutosi nello scortso week end a Firenze, organizzato dai precari della ricerca (www.ricercatoriprecari.org) del nodo di Firenze e il Socialforum toscano. Molte tematiche sono state affrontate in Saperi e Precarietà: dal problema del copyright e della brevettazione del software, ai bollini disattesi nell’accessibilità Web; dalla privatizzazione dei nuovi commons nella società dell’informazione alle opportunità delle nuove tecnologie. Con la partecipazione del senatore Fiorello Cortiana, di Simone Piccardi dell’Associazione Software libero (Assoli), di Enrico Bisenzi ( Infoaccessibile.com ), Lele Rozza (FSF Europe-Italia), Juan Carlos De Martin (Creative commons Italia- CNR), coordinato dalla ricercatrice Anna Carola Freschi, il convegno ha avuto il merito di presentare alcune soluzioni alle istanze proposte. Innanzitutto è stata annunciata un’assemblea a livello europeo, che si terrà ad Amsterdam prossimamente, per trovare soluzioni comuni agli ostacoli legislativi che si frappongono all’applicazione delle Licenze targate Cc, di Creative Commons, recentemente presentate in Italia a Torino. L’assemblea d Amsterdam sarà quindi l’occasione per fare il punto sulle applicazioni europee delle Creative Commons .

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore