Copyright Ue: in pensione a 70 anni

Autorità e normativeNormativa

Il Parlamento europeo pensa ai vecchi interpreti e allunga di vent’anni la durata del diritto d’autore

E’ per fortuna sfumata la soglia dei 95 anni di copyright , ma 70 anni di diritto d’autore non sono certamente pochi. Comunque il Parlamento europeo ha votato, pensando ai vecchi interpreti: ha allungato di vent’anni la durata del diritto d’autore, rispetto ai precedenti 50 anni di copyright. I 70 anni di copyright sono passati, votati all’Europarlamento con 387 voti a favore 152 contrari e 60 astensioni.

Si tratta di un importante passo per porre fine alla discriminazione tra il repertorio europeo e quello americano. Un ringraziamento va ai governi italiani che si sono succeduti in questi anni per aver sempre sostenuto con spirito bipartisan la necessità di rivedere la normativa per sostenere la musica italiana che è un importante elemento della cultura europea” dichiarava solo pochi mesi fa il Presidente di FIMI, Enzo Mazza. La musica italiana costituisce il terzo repertorio più esportato nel Mondo con artisti e dischi che hanno fatto la storia della musica.

La proposta Ue di allungare la tutela del diritto d’autore a tutti gli artisti da 50 a 95 anni aveva suscitato ampie proteste nei mesi scorsi.

Leggi anche: Maxi-multa e carcere a The Pirate Bay

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore