Corbis apre la sede italiana

AccessoriWorkspace

Corbis, l’agenzia fotografica fondata da Bill Gates nel
1989, diventata in pochi anni uno dei maggiori attori
del settore (grazie anche all’acquisizione di alcuni fra
i più grandi e importanti archivi mondiali) ha aperto
da qualche mese una sede in Italia, in un edificio polifunzionale
sito a Milano in via Lombardini.

Il sito, posto in una zona di terziario avanzato a due passi dagli storici navigli, oltre a ospitare gli uffici di Corbis al piano terreno, dispone di ampi spazi adibiti a esposizioni e mostre. In Corbis non fanno mistero di voler essere qualcosa di più di una agenzia ?tradizionale? di ?Stock Foto?. Se infatti è vero che l’archivio di Corbis è costituito da oltre 70 milioni di immagini, molte delle quali famose al punto di diventare icone ben riconoscibili, è anche vero che l’azienda offre ai creativi e a chi fa comunicazione nuovi mezzi e possibilità: ?Oltre alle stock foto, mettiamo a disposizione produzioni a basso costo con fotografi di fama mondiale, filmati e ricerche di clip di film famosi, ricerca e gestione precisa di testimonial, consulenze sui diritti intellettuali e copyright? spiega Luca Messaggi, account management director. La creazione di nuove immagini sembra in questo momento la caratteristica che più distingue Corbis dalle altre agenzie. ?Il nostro principale obiettivo – afferma a tal proposito Renée Martin, direttore della sede di Milano – è di proporci non come una semplice banca di immagini, bensì come dei veri e propri partner della creatività?. Secondo Siri Vorbeck, direttore creativo della fotografia per la regione EMEA di Corbis, l’attenzione della società è centrata sui trend e sulle questioni legate allo stile, agli aspetti regionali e alle collezioni tematiche. ?Il nostro lavoro di ricerca creativa parte dalle richieste di mercato, dalle analisi interne dei macro-trend e dai contenuti che ci arrivano dai brainstorm su particolari tematiche per stilare elenchi di soggetti che ci interessa aggiungere all’archivio? spiega Siri, il cui lavoro è fatto in stretta collaborazione con un gruppo specializzato nell’intelligence creativa. Una volta stabiliti criteri e linee guida, si passa alla realizzazione delle immagini. ?Il 90% delle nostre immagini sono realizzate con una direzione artistica, per il concept, lo stile e la selezione dei modelli? puntualizza. Questa impostazione consente a Corbis da una parte di agire come ?radar? in grado di individuare sul nascere mode, trend e nuovi stili, dall’altra di fornire ai suoi clienti materiale fresco e decisamente in linea con le più aggiornate tendenze della fotografia e del costume. Il tutto grazie a uno staff (in Europa) di 12 art director provenienti dalla pubblicità, dalla moda, dalla musica, che si occupano di seguire il lavoro di ben 300 fotografi. ?Ma siamo sempre alla ricerca di nuovi talenti?? conclude Siri.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore