Corte di Giustizia UE: Gli ISP devono oscurare i siti pirata

Autorità e normativeAziendeMarketingMercati e FinanzaNormativa
Corte di Giustizia UE: la copia privata non va confusa con l'Equo compenso
1 0 Non ci sono commenti

Sul copyiright interviene la Corte di Giustizia dell’Unione europea: i provider sono obbligati a bloccare i siti pirata

Anche se AgCom è priva delle competenze necessarie senza un intervento legislativo, sul diritto d’autore arrivano le conclusioni dell’avvocato generale della Corte di Giustizia dell’Unione europea, Cruz Villalon, interpellato dalla suprema Corte austriaca. La Corte di Giustizia dell’Unione europea stabilisce che i provider devono oscurare i siti pirata.

Sul copyiright interviene la Corte di Giustizia dell’Unione europea: alla Suprema Corte austriaca che chiedeva lumi sull’adozione di provvedimenti inibitori per bloccare violazioni al copyright in Rete, la Corte ha risposto che i provider sono obbligati a bloccare i siti pirata.

Gli Internet Service Provider potranno dnque essere costretti ad impedire l’accesso ai siti Web che violano il diritto d’autore. L’ANSA precisa che “in base al diritto dell’Unione”, l’avvocato generale spiega che “gli Stati membri devono assicurare che i titolari dei diritti d’autore possano chiedere un provvedimento inibitorio nei confronti di intermediari i cui servizi siano utilizzati da un terzo per violare i loro diritti. I fornitori di accesso a internet (gli internet provider) vanno considerati come intermediari“.

L’ISP deve dunque essere considerato “un intermediario i cui servizi sono utilizzati da un terzo per violare il diritto d’autore e di conseguenza deve essere preso in considerazione quale destinatario del provvedimento inibitorio”.

In merito alla contestatissima Delibera AgCom, invece nessuna norma attribuisce all’Autorità un potere di intervento come quello prefigurato dallo schema di regolamento posto in consultazione: “Se Altroconsumo e Assoprovider-Confcommercio hanno già preannunciato in prima battuta ricorso al TAR nel caso in cui l’Autorità si ostini a percorrere la strada intrapresa– si legge in una nota – i giuristi intervenuti hanno invocato l’intervento del legislatore affinché il Parlamento recuperi la sua centralità in una tematica così importante e controversa come la regolamentazione del diritto d’autore nell’era di Internet”.

 

Corte di Giustizia UE: Provider obbligati a bloccare i siti piarata
Corte di Giustizia UE: Provider obbligati a bloccare i siti piarata
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore