Cosa cè nel nostro piatto

Marketing

In rete è disponibile una banca dati sugli additivi presenti negli alimenti

Dallaltro lato del crescente consumo o, meglio, della crescente sponsorizzazione dei cibi biologici, c il consumo reale e quotidiano degli alimenti preconfezionati. Sar successo a molti di chiedersi cosa significano sigle come E160, E 951 e via dicendo. Cosa sono gli additivi. Se fanno male. A cosa servono. Quanti ce ne sono. Altroconsumo risponde, con un ricchissimo database online contenente informazioni su tutti gli additivi autorizzati (ex Dm n. 209 del 27/2/96 e successive modifiche) che trovate nei prodotti alimentari industriali. Allindirizzo http://www.altroconsumo.it/asp/additivi/ricerca.asp troverete una comoda maschera di ricerca. Gli additivi sono suddivisi in categorie (coloranti, conservanti, ecc….), a seconda della loro funzione, e a ognuno corrisponde un codice, in vigore in tutti i paesi dellUnione, generalmente composto da una E (per Europa) seguita da 3 o 4 cifre. Potrete effettuare la ricerca a partire dal nome, dal codice o dalla categoria troverete tutte le rispettive informazioni complementari e il giudizio di Altroconsumo sui possibili effetti dannosi o lopportunit di assunzione. Se fate la ricerca in base al prodotto otterrete lelenco degli additivi utilizzati pi di frequente, tra quelli consentiti per il prodotto scelto. Naturamente il servizio gratuito e disponibile a tutti i cittadini che desiderino scoprire che cosa contengano in realt le confezioni alimentari che acquistano.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore