Costi delle licenze software in aumento

Workspace

Secondo Gartner, gli incrementi potrebbero raggiungere il 50% in un paio d’anni

Una somma di fattori è alla base del raddoppio dei costi delle licenze software, previsto entro un paio d’anni da Gartner. Gli utenti finali innanzitutto rischiano di subire un aumento dri costi a causa dell’adozione della tecnologia dual core, dell’uso dei server virtuali e del computing on demand: ecco i fattori guida dell’aumento dei prezzi. Aziende quali Oracle, Ibm e Sybase hanno sposato policy che, su questi temi, condurranno fatalmente a un innalzamento dei prezzi delle licenze software. Si distingue solo Microsoft per aver già escluso in partenza di raddoppiare i listini con l’introduzione del dual core. Per la maggior parte delle aziende software invece il multi core comporterà la moltiplicazione delle licenze: aumento dei costi che, secondo la società d’analisi Gartner, non è giustificabile dal momento che più Cpu in un unico pezzo di silicio non significa automaticamente raddoppiare le performance sul lato software. Sul fronte dell’impiego dei server virtuali, anche questa innovazione viene vista da Gartner come fonte di un probabile rincaro delle licenze software: ma un conto è lo spazio potenziale totale, ed un altro conto è lo spazio realmente utilizzato. Gartner infine raccomanda che gli aumenti dei prezzi nell’adozione delle licenze per il dual core non superino del 25% i prezzi correnti.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore