Crazy Taxi 3

Management

Ritorna il taxi più pazzo del mondo.

Nata in sala giochi, e giunta al terzo episodio, la serie di Crazy Taxy mantiene ancora quelle caratteristiche di immediatezza e frenesia che l’hanno resa celebre. Nei panni di uno spericolato tassista, lo scopo del gioco è guadagnare più soldi nel minor tempo possibile. A condire una struttura così elementare ci pensano la buona colonna sonora, i colori psichedelici e il modello di guida improntato sul più totale irrealismo. In questo nuovo capitolo Sega ha portato a tre il numero di città esplorabili, ma soprattutto, seguendo quanto già accennato nel secondo episodio, ha aumentato il numero di “mosse speciali” del taxi e le missioni extra (sfide contro il tempo in situazioni assurde). Se Crazy Taxi coinvolge molto in fretta, altrettanto in fretta viene a noia. Le ottime scelte, come l’aumento dei contenuti bonus e l’allargamento delle potenzialità del taxi sono controbilanciate dalla qualità della conversione da console, tutt’altro che convincente. Alle pochissime opzioni grafiche si aggiunge qualche bug visivo e una generale povertà di dettagli. Un gioco consigliato ai fan della saga e a chi gioca senza troppa continuità.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore