Cresce il fronte contrario all’email a pagamento

NetworkProvider e servizi Internet

Un consorzio riunisce 50 organizzazioni per il diritto all’email gratuita

L’dea di Aol della posta elettronica a pagamento (Pay for email) sta raccogliendo un coro di no. A guidarlo è un consorzio che riunisce 50 organizzazioni per il diritto all’email gratuita, a cui partecipano anche il Democratic National Committee, Gun Owners of America, il fondatore di Craigslist e l’Association of Cancer Online Resources. Il consorzio rifiuta il progetto di Aol di far carico alle aziende di una piccola somma in cambio di un certificato per evitare i filtri antispam. La campagna si chiama Stop AOL’s Email Tax e ha un blog di riferimento: http://www2.dearaol.com/blog . Aol ha risposto alla petizione spiegando che la CertifiedEmail servirebbe come nuovo standard per la consegna della posta elettronica legittima.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore