Cresce OpenWi-fiMilano

MarketingMobilityNetworkWlan
WiFi pubblico
2 0 Non ci sono commenti

OpenWi-fiMilano, la rete gratuita del Comune di Milano, raggiunge 200 mila utenti e copre 370 aree

Attiva dal 2012, OpenWi-fiMilano, la rete gratuita del Comune di Milano, raggiunge 200 mila utenti, i cui il 12,6% degli iscritti sono stranieri, e copre 370 aree outdoor e indoor, e ha registrato due milioni di accessi in un biennio. In vista dell’Expo 2015, i numeri di OpenWi-fiMilano pubblicati dall’Amministrazione non vanno sottovalutati: su 370 aree collegate con OpenWi-fiMilano, circa 300 risultano le postazioni all’aperto che dal centro alla periferia offrono connessione WiFi gratuita (60 piazze, 20 parchi e giardini, 20 stazioni della metropolitana) mentre si attestano a 70 gli hotspot disponibili nelle sedi comunali (uffici pubblici, biblioteche, piscine, centri ricreativi eccetera). Complessivamente  OpenWi-fiMilano totalizza circa 600 access point.

I 350 hotspot offrono un servizio illimitato e il numero degli iscritti e degli accessi quotidiani  registra ogni giorno 400 nuovi utenti (contro i 250 del 2012 e i 300 del 2013). La crescita è costante.

Nella rete municipale senza fili ogni utente può godere di 300 Mb di traffico in banda larga per navigare. Superato il limite, l’utente può ancora usufruire di un’ora di navigazione in banda larga ma a ridotta velocità di navigazione. Milano e Firenze sono i comuni italiani che offrono a cittadini e turisti servizi wi-fi gratuiti su un territorio così vasto; a Roma c’è ProvinciaWiFi. Secondo l’Amministrazione, “OpenWi-fiMilano è un servizio molto competitivo anche a livello europeo, strategico in vista di Expo2015″. Basta registrarsi per individuare le aree in cui la rete è attiva e navigare in libertà. Zona per zona, le bandierine verdi indicano siti già attivi. Le bandierine gialle indicano siti che saranno attivati prossimamente.

I numeri di OpenWi-fiMilano
I numeri di OpenWi-fiMilano

In due anni l’Italia ha messo a segno un’accelerazione nello sviluppo del Wifi passando da 5.000 a più di 10.000 hotspot tra il 2011 e il 2013. Roma e Milano dominano per la maggiore diffusione di wifi con circa il 14% degli hotspot: si piazzano in terza e quarta posizione Trento (8,6%) e Firenze (4,8%). Le connessioni wifi spopolano nelle Università: Trento spicca con 80 hotspot, seguono Verona con 21 e Roma con 7 (fonte: studio app CheWiFi).

Ricordiamo che le Poste italiane hanno da tempo adpttato gli hotspot pubblici per chi vuole navigare con il proprio smartphone, tablet o netbook, mentre attende il proprio turno allo sportello.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore