Crescono gli italiani online

Workspace

Venti milioni di internauti a caccia di news e file sharing

Anche se nelle classifiche europee l’Italia è spesso fanalino di coda nell’uso delle nuove tecnologie,il Belpaese progredisce sul Web. Crescono gli italiani online: sono venti milioni i cyber navigatori che si affacciano su siti Internet a caccia di news e file sharing,

passando sempre più tempo online di mese in mese. Secondo Nielsen/NetRatings,l’Italia sta tallonando la Gran Bretagna in termini di ore spese sul Web per persona nel mese, sorpassando per la prima volta la soglia delle 18 ore per singolo utente (oltre 18 ore e 10 minuti, con un incremento 6%). I sudditi di sua Maestà Elisabetta Seconda, invece, passano online in media solo 20 minuti in più degli italiani. L’86% degli Internauti si rivolge ai motori di ricerca, ai siti di informazione (62%), quelli di intrattenimento (69%) eccetera. La categoria News e Information registra una crescita nel mese del 4% da settembre a 12,2 milioni di visitatori,trainata dai siti di news online che crescono del 7% da settembre e superano gli 8 milioni, vale a dire 40 navigatori su 100. In crescita è anche la categoria finanza (oltre 8,5 milioni di visitatori, +8% da settembre), trainata dal banking online (6,5 milioni di utenti, +8%), dalle informazioni finanziarie (3 milioni, +16%) e dalla crescita generalizzata nel mese dei siti di assicurazioni, prestiti e pagamenti online. Ma agli italiani non piacciono solo le news, ma anche scaricare e condividere messaggi istantanei, video, immagini e musica attraverso il file sharing. Sono al centro dell’attenzione servizi come Msn Messenger, eMule, WinMx e YouTub e, insieme al fenomeno blog e al social network. L’uso delle applicazioni, in salita del 3% rispetto a settembre, cresce per parco utenti (13,8 milioni) che per tempo speso (4 ore e 37 minuti). Tra le applicazioni vince Windows Media Player, seguono le chat Messenger di Msn (frequentatte da un navigatore su tre), il file sharing eMule, e tra i siti il più visitato dagli italiani è il motore di ricerca Google. Ma anche Wikipedia sembra inarrestabile con 5 milioni di visitatori unici (+14%). In termini di tempo trascorso online, a settembre l’Italia aveva registrato un incremento del 32%, la percentuale più alta (di crescita) nel Vecchio Continente.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore