Crisi in vista per lo storage?

CloudServer

L’anno in corso potrebbe vedere il superamento della produzione di nuove unità rispetto alla domanda del mercato

Dopo gli ottimi risultati fatti registrare dal settore nel corso del 2005, il mercato storage potrebbe subire una flessione di vendite nel corso del 2006. O almeno, è quello che si evince dalle stime pubblicate dalla società di analisi e monitoraggio iSuppli. Secondo la società, nel 2005 i produttori di dischi rigidi hanno venduto 71 milioni di unità in più rispetto al 2004, grazie alla sempre crescente diffusione di lettori multimediali portatili e ai dispositivi di elettronica di consumo dotati di meccanismi di memorizzazione basati su Hd. In totale, i dischi venduti sono stati 376 milioni, contro i 305 milioni dell’anno precedente, con un incremento percentuale di circa il 23%. Per quanto riguarda l’anno in corso, la diffusione dei lettori a memoria statica, e la saturazione di un mercato ormai maturo non lascia prevedere volumi di vendite altrettanto sostanziosi. iSuppli prevede quindi, nel corso del 2006, un incremento delle vendite di soli 14,4 punti percentuali, valori ben lontani dal 23% precedentemente citato. La produzione di dischi fissi dovrebbe quindi superare la domanda degli acquirenti, con ripercussioni positive (almeno dal punto di vista degli utenti) sui costi per unità.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore