Crolla il mito dello spam

NetworkProvider e servizi Internet

Secondo una ricerca, non è vero che i dipendenti sono sommersi dallo spam

La maggior parte dei lavoratori americani non sommersa dalle email e non riceve spam. Il dato, che sorprende anche i ricercatori, risulta da uno studio condotto da Pew Internet e dallAmerican Life Project. Contrariamente allidea che si ha del fenomeno, secondo la quale gli americani che lavorano al computer sono seppelliti dalle email, la stragrande maggioranza di chi usa la posta elettronica sul posto di lavoro dichiara che si tratta di un esperienza assolutamente gestibile, riporta lo studio. Solo l11% dichiara di sentirsi sopraffatto dalle email. Il 60% di chi usa la posta elettronica per lavoro riceve mediamente, al massimo, dieci messaggi email al giorno, mentre il 78% dichiara di inviarne non pi di dieci al giorno. Il 71% circa di utenti di posta elettronica dice che solo poche email ricevute sul lavoro sono spam. Il 62% circa di tutti gli impiegati americani dispongono di un accesso ad Internet, e la quasi totalit di questi – 98% – usa la posta elettronica sul posto di lavoro. I tre quarti utilizzano la posta elettronica per unora o anche meno, il restante quarto ne fa uso per meno di quindici minuti. Solo met delle persone dichiara che il volume dei messaggi aumentato nellultimo anno. Per il 52% la posta elettronica essenziale per il proprio lavoro, invece moderatamente importante per il 34% dei lavoratori. Una piccola ma significativa minoranza di utenti della posta elettronica rappresentata da chi invece maneggia grandi volumi di messaggi al giorno. Il gruppo costituisce circa un quinto dei lavoratori collegati in rete. Il 22% di questa classe di lavoratori riceve oltre 50 email al giorno, la met ne riceve dalle 21 alle 50 mediamente. Tra questi c un 16% che passa oltre quattro ore con la posta elettronica. I ricercatori sostengono che il problema dello spam si concentra proprio su questo tipo di lavoratore e su chi utilizza internet a casa.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore