Csv open source: scoperte vulnerabilità

firewallSicurezza

Scoperte vulnerabilità in uno dei più importanti software per lo sviluppo di applicazioni open source.

L’allarme lo lancia la società E-Matters, che ha scoperto delle vulnerabilità nel programma Csv (Concurrent versions systems), uno dei più importanti software di sviluppo per le applicazioni open source. Secondo E-Matters, le vulnerabilità scoperte lascerebbero il sistema in balia di attacchi tipo Denial of service (Dos), ma permetterebbero anche l’esecuzione di codice da remoto. Robert Price, responsabile di Csv, venuto a conoscenza dell’allarme lanciato da E-Matters, ha immediatamente approntato le misure di sicurezza, mettendo a punto un aggiornamento in grado di coprire le falle scoperte. Secondo Price, comunque, le vulnerabilità non avrebbero consentito attacchi da Internet ma solo su Vpn (Virtual private networks). Dopo questa rivelazione, e le precedenti, sono sempre di più coloro che avanzano perplessità riguardo la sicurezza del sistema operativo Linux nei confronti di Windows. Già in passato infatti altre vulnerabilità in Csv hanno permesso attacchi ai server open source. Nessun sistema, a quanto pare, sembra essere sicuro al 100% contro gli attacchi; l’importante, ribadiscono gli esperti, è rimanere vigili e approntare sempre misure di sicurezza adeguate.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore