Cyber attacco alla Federal Reserve di St. Louis

CyberwarSicurezza
Cyber attacco alla Federal Reserve di St. Louis
0 5 Non ci sono commenti

Nel cyber attacco contro la Federal Reserve di St. Louis, sembra essere stato compromesso il sistema di routing di Internet, ovvero il domain name system (D.N.S)

La Federal Reserve di St. Louis ha confermato che hacker hanno attaccato la banca, riuscendo a dirottare gli utenti dei suoi servizi di ricerca online verso siti fasulli, realizzati dagli autori del cyber attacco.

Cyber attacco alla Federal Reserve di St. Louis
Cyber attacco alla Federal Reserve di St. Louis

Il breach è solo l’ultimo caso di hacking e cyber attacchi condotti contro sistemi governativi: nel mirino dei cyber-criminali sono finiti la Casa Bianca, il Dipartimento di Stato e perfino l’account email del Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama.

In questo caso, sembra essere stato compromesso il sistema di routing di Internet, ovvero il domain name system (D.N.S).

Riporta il New York Times che gli hacker hanno compromesso il domain name registrar, che invia il traffico a St. Louis Fed, e sono stati in grado di ridirigere il traffico web a siti fake a rischio. I siti fasulli imitavano il sito della Federal Reserve Bank di St. Louis, inclusi i servizi Federal Reserve Economic Data (Fred), un database di dati economici con oltre 70 risorse, e il Federal Reserve Archival System for Economic Research, che comprende dati storici. L’attacco non ha colpito il sito principale. A denunciare il fatto è stato per primo il vendor di sicurezza Krebs on Security.

Ancora non si sa chi ci sia dietro al cyber attacco. Gli attacchi di domain name system (Dns) richiedono però più competenze informatiche di un attacco tipico a un sito Internet: l’attacco è stato sofisticato, ma non ha permesso l’accesso a informazioni personali. Ma gli esperti di sicurezza esprimono meno ottimismo: chi ha effettuato l’attacco potrebbe aver avuto accesso a indirizzi email e password di banchieri e currency trader.

Gli attacchi Dns espongono gli utenti a phishing, malware e accessi a user name e password.

Conoscete i rischi del cyber-crime e delle truffe online? Scoprilo con un QUIZ!

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore