Cyber-cavalleria alla caccia dei cyber-criminali

Sicurezza

In Gran Bretagna nasce un nuovo organismo per combattere i crimini informatici..

Nel Regno Unito, solo poche settimane dopo che la National High Tech Crime Squad (Squadra Nazionale Anticrimine per il settore High Tech) si è messa in moto per contrastare hacker e pirati informatici, ulteriore sostegno a questa lotta, è arrivato dalla Communications Management Association (CMA). La cyber-cavalleria, nata su iniziativa della CMA, chiamata Institute for Communication Arbitration and Forensics (ICAF), agirà come coordinatore delle attività tese a garantire la sicurezza nel settore dellItc. Graham Robinson, ceo di ICAF, ha ammesso che la cooperazione con la squadra anticrimine e con gli altri partner è ancora in fase di rodaggio e dovrà essere sempre più stretta in futuro. Per essere più efficienti dei criminali, non abbiamo solo bisogno di competenze specialistiche e di conoscenze degli strumenti tecnologici, ma anche di una migliore comprensione dei nostri doveri legali e delle nostre responsabilità. Se i lavoratori dellITC non devono pretendere di essere degli avvocati, al tempo stesso devono però avere sufficiente conoscenza di leggi e tribunali per dare il loro contributo alla lotta contro i crimini informatici, ha dichiarato. Sempre secondo Robinson, se il problema principale oggi è quello di garantire la sicurezza dei sistemi di trasmissione dei dati, in futuro sarà sempre più quello di individuare le falle nei sistemi di sicurezza per prevenire le intrusioni non autorizzate.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore