Cyber-furti da 285 milioni di dati nel 2008

CyberwarSicurezza

L’ultimo rapporto di Verizon Business lancia un grido d’allarme sulla sicurezza informatica: il 93% delle perdite riguarda il settore finanziario. Nove perdite su dieci potrebbero essere evitate in modo semplice

Dopo la stretta del credito e il crollo di Wall Street, cade un’altra tegola sul già compromesso, e preso di mira, settore finanziario. Si tratta del settore in cui ammontano le più ingenti perdite di dati: il 93% dei fuirti dei dati avviene ai suoi danni, a causa di errori e disattenzioni.

Nel 2008 il cyber-furto si è attestato alla ragguardevole cifra di 285 milionidi dati rubati. Lo afferma il rapporto di Verizon Business. I ladri di identità sfruttano le debolezze e le disattenzioni delle aziende. Nel mirino dei cracker sono soprattutto i furti di Pin, associati alle carte di credito.

Nove perdite di dati su dieci potrebbero essere evitate in modo semplice, con sistemi di sicurezza di base e non sofisticati.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore