Da 50 a 15 le impostazioni privacy su Facebook

Autorità e normativeMarketingSicurezzaSocial mediaSorveglianza

Cresce la privacy su Facebook. Dopo le proteste, il Ceo Mark Zuckerberg semplifica i setting della privacy e promette maggiore tutele della riservatezza dei dati

Facebook ha promesso marcia indietro sulla privacy. Facebook semplifica la prafica: dal menu account nelle impostazioni privacy si accede ad un’unica griglia dove con un unico clic si decide se rendere accessibile un contenuto solo agli amici, agli amici degli amici o a tutti.

Le 50 opzioni per rendere privati i dati sono state drasticamente tagliate a 15.

Verrà inoltre ampliato il recinto delle informazioni private, non accessibili sul web. Verranno modificati i dati disponibili per terze parti, attraverso applicazioni (per esempio, i giochi come Farmville) o siti web. Saranno gli iscritti a decidere se desiderano cederli quando fanno ingresso in una nuova applicazione.

Gli oltre 400 milioni di utenti di Facebook possono finalmente tirare un sospiro di sollievo dopo la tempesta e le polemiche.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore