Da febbraio il Bitstream abbasserà i prezzi dell’Adsl

NetworkProvider e servizi Internet

AgCom ha dato il via libera: la nuova offerta all’ingrosso di Telecom dovrebbe riformare la banda larga italiana verso una Adsl migliore e a prezzi più competitivi. Ma l’Aiip già critica i listini del Bitstream

WiMax e Bitstream sono le due parole chiave per combattere il Digital divide italiano. Sia la banda larga senza fili che la nuova offerta all’ingrosso Telecom

dovrebbero rappresentare la svolta per riformare la banda larga italiana. Dopo l’approvazione della gara WiMax, in attesa di conoscere i vincitori, l’AgCom passa all’altro fronte: sblocca la delibera Bitstream.

A inizio gennaio l’Autorità Garante delle Comunicazioni (Agcom) ha dato l’ok ai prezzi e da febbraio gli operatori alternativi potranno sfruttare il Bitstream per riformulare e realizzare le proprie offerte in base alla rete di Telecom Italia.

La delibera Bitstream permette in sostanza due cose:monitorare meglio la qualità delle Adsl costruite su rete Telecom; tagliare i prezzi e proporre velocità più alte e flessibili. Tuttavia l’Aiip (Associazione dei principali provider italiani) critica i prezzi del Bitstream, che non sarebbero “orientati ai costi Telecom”, come dovrebbero.

Il Bitsteram dunque dovrebbe finalmente partire a febbraio. L’Aiip però si prodigherà per far approvare ad Agcom nuovi prezzi, più ridotti.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore