Da gennaio 3 Italia sarà un operatore regolamentato

NetworkProvider e servizi Internet

L’azienda dovrà rispettare precisi limiti nella definizione delle proprie
tariffe di terminazione

Dal primo gennaio anche 3 Italia sarà un operatore regolamentat o e dovrà quindi rispettare precisi limiti nella definizione delle proprie tariffe di terminazione (la parte di tariffa della chiamata verso un telefonino che incassa l’operatore mobile). Lo ha deliberato l’Autorità per le tlc nel Consiglio. In seguito alla decisione dell’Agcom, il prezzo di terminazione di 3 Italia dovrà quindi scendere dagli attuali 18,76 a 16,26 centesimi. La bozza della delibera verrà comunque inviata all’Unione europea e poi il provvedimento verrà approvato definitivamente. Finora per l’operatore telefonico, che opera unicamente sulla rete Umts, erano state previste c ondizioni di favore in relazione alla propria posizione di nuovo entrante in un mercato: Telecom, Vodafone e Wind sono infatti già regolamentati e hanno quindi precisi tetti per le tariffe di terminazione. L’Autorità ha deciso inoltre di riaprire l’analisi del mercato della terminazione mobile, con due mesi di anticipo rispetto alla scadenza fissata i n sede comunitaria: la decisione sarebbe dovuta ai recenti mutamenti intervenuti sul mercato, con l’abolizione dello scatto alla risposta deciso dalla legge Bersani. Il Consiglio farà infine partire una consultazione pubblica per la redistribuzione di alcune frequenze in eccedenza.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore