Da Giappone e Cina nuove e pericolose minacce allIct

CyberwarSicurezza

Nel Paese del Sol Levante individuati due ceppi virali particolarmente aggressivi. Il Governo cinese ispira un assurdo patto di autocensura per i portali Internet

Arrivano dal Giappone due nuovi ceppi di virus dei computer, che si preannunciano particolarmente pericolosi per le loro caratteristiche offensive. Denominati FrethemK e FrethemL, i due fattori infettivi attaccano i file e – pressoch contemporaneamente – disabilitano gli antivirus. Si moltiplicano poi con estrema rapidit invadendo tutti gli indirizzi contenuti nel casellario e-mail. Scoperti recentemente da un gruppo di sviluppatori di software giapponesi, sono stati resi noti ai navigatori di Internet dalla Trend Micro di Tokyo, che ne ha parlato attraverso il proprio sito. Secondo i ricercatori che li hanno individuati, FrethemL decisamente il pi pericoloso dei due virus. Nel frattempo, in Cina pi di 300 Internet workers hanno sottoscritto il patto di autocensura varato da alcuni portali, tra cui la versione cinese di Yahoo! Secondo quanto previsto dal patto, chi aderisce dovr accettare di eliminare dal web tutto quello che criminale o illegale. Sulla carta, liniziativa potrebbe sembrare valida, soprattutto se aprisse effettivamente la strada a una forma di codice di autoregolamentazione e di deontologia professionale. Va per detto che il patto corrisponderebbe troppo a certe direttive del Governo di Pechino, estremamente attento nel controllare e reprimere quanto ritiene potenzialmente pericolo e sovversivo per la propria politica. Se poi ci ricordiamo che la Cina uno dei Paesi con il pi alto tasso di esecuzioni capitali oggi esistenti al mondo, viene da chiedersi da che tipo di pulpito stia venendo la predica. Sappiamo tutti che Internet ha i suoi eccessi, da monitorare e da tenere sotto controllo, ma un controllo cos poliziesco del web ci ricorda troppo da vicino gli eccessivi rigori pseudo-religiosi instaurati dai talebani subito dopo avere preso il potere in Afghanistan. Come sia poi andata a finire, a Kabul e dintorni, noto a tutti o – meglio – non noto a nessuno, almeno finch la partita con il fondamentalismo islamico dello sceicco Bin Laden e del mullah Omar non sar stata definitivamente chiusa, in un modo o nellaltro.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore