Da Microsoft azioni legali contro la pirateria

CyberwarSicurezza

Il colosso di Redmond porta in tribunale 55 venditori online di software
contraffatti

Microsoft ha intentato 55 cause contro venditori di software non originale in tutto il mondo. Microsoft ha deciso una strategia globale, sovranazionale, nel portare avanti azioni legali contro i dealer online che vendono software contraffatti. Microsoft porterà in tribunale nell’ordine: 15 venditori negli Stati Uniti, 10 in Germania, 10 nei Paesi Bassi, cinque in Francia e cinque in Gran Bretagna, oltre che Argentina, Australia, Belgio, Corea, Messico e Polonia. Le cause si concentrano contro i dealer online, accusati di aver impiegato il loro account sul sito di aste online eBay (e non solo) per vendere programmi non originali, violando il copyright. Prima di intentare azioni legali, Microsoft aveva provveduto a inviare avvertimenti ai venditori, rimasti invece inascoltati.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore