Da Microsoft HoloLens a Oculus Rift di Facebook, si accende la sfida agli smartglass: Realtà Aumentata (AR) vs. realtà Virtuale (VR)

Dispositivi mobiliMobility
Microsoft svela HoloLens, i dispositivi per l'Augmented Reality
1 12 Non ci sono commenti

Microsoft HoloLens sono holografic glasses, occhiali hi-tech dedicati all’Augmented Reality o realtà aumentata (AR). Diversi dal casco Samsung Gear VR e da Oculus Rift di Facebook, dispositivi per la realtà virtuale (VR)

La wearable tech fa un balzo in avanti, oltre gli smart glass fin qui visti. All’evento consumer dedicato a Windows 10, Microsoft ha tolto i veli a HoloLens, un dispositivo per l’Augmented Reality. Gli occhiali di Microsoft sono holografic glasses e differiscono dal casco Samsung Gear VR e da Oculus Rift di Facebook, vediamo in che modo.

Oculus Rift promette di trasportare chi indossa il device goggle in un mondo differente, aprendo numerose possibilità per film, TV, sport e l’intrattenimento digitale.Facebook scommette sulla virtual reality. Anche Samsung Gear VR è invece un casco per la realtà virtuale (VR). Ma la realtà virtuale (VR) è completamente generata dal computer, la Realtà aumentata (AR) proietta immagini virtuali in un mondo reale. Gli smart glass di Google (i Google Glass) sono ancora diversi perché vogliono interagire con il mondo circostante, grazie ad app come Project Tango nel 3D e Magic Leap, startup specializzata nel simulare la realtà.

Lo scenario di Microsoft Hololens ha invece a che fare con la casa e il posto di lavoro, mentre i Google Glass si focalizzano su social e outdoor.

HoloLens utilizza la tecnologia della Realtà aumentata (augmented reality – AR), in grado di sovrapporre immagini nella vita reale e permette all’utente di interagire con esse. La versione finale, equipaggiata con Windows Holographic, non avrà bisogno di collegarsi ad altri dispositivi per funzionare (a differenza dai Google Glass, che si affiancano allo smartphone Android). HoloLens permetterà di vedere ologrammi mentre traccia la voce, i movimenti dell’utente e il surrounding. L’azienda di Redmond ha mostrato anche HoloStudio, software per creare ologrammi, poi 3D printing e condividerli.

L’olografia può essere usata da scienziati della Nasa per i progetti su Marte (per dirigere Mars Curiosity Rover nell’esplorazione del pianeta), da architetti o per creare modelli di lavoro o infine per giocare al videogame Minecraft. L’olografia semplifica e rende più realistiche anche le videoconferenze su Skype su tablet Surface Pro 3. Con l’augmented reality si può acquistare un divano in negozio e poi sovrapporlo a un’immagine del salotto, per verificare come sta e se è il caso di acquistarlo.

Gartner ha definito HoloLens i miglior device visti dopo quelli di classe militare o sanitaria. HoloLens permette a chi li indossa, di vedere l’immagine per interagire con l’ambiente invece di fuggire da esso.

Microsoft prevede il rilascio di HoloLens insieme a Windows 10, entro fine anno. I developer kit di Oculus Rift hanno un costo superiore ai 300 dollari: il modello consumer oscillerà invece fra i 200 e i 400 dollari. Il prezzo di Samsung Gear VR è pari a 350 dollari.

Microsoft svela HoloLens, i dispositivi per l'Augmented Reality
Microsoft svela HoloLens, i dispositivi per l’Augmented Reality
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore