Da Novell la soluzione Platespin per la gestione dei carichi di lavoro nei data center

CloudServer

Ambienti virtuali o fisici, anche eterogenei, sono completamente gestiti per tutto il ciclo di vita

Novell ha iniziato il mese di di dicembre con quattro nuovi prodotti software che derivano tutti dall’acquisizione di Platespin nello scorso aprile. Novell ha anche deciso di conservare i nomi originali per tutte queste soluzioni che riguardano la gestione dei data center e gestisono i carichi di lavoro ( Platespin Workload Management) anche su più sistemi operativi, hypervisor e ambienti fisici e virtuali.

Sfruttando le competenze di Novell nell’interoperabilità i nuovi Recon , Migrate, Protect e Orchestrate permettono agli utenti di profilare, migrare, proteggere e gestire i workload dei server tra infrastrutture fisiche e virtuali in ambienti IT eterogenei. Workload Management è in grado di supportare i server Windows e Linux a 32 e 64 bit, così come tutti i principali hypervisor quali XenServer , Hyper-V e Virtual Server, ESX ed ESXi, oltre che a Xen integrato all’interno di Suse Linux Enterprise Server.

Platespin ReCon , edizione aggiornata di PowerRecon , è una soluzione di analisi e pianificazione dei carichi di lavoro sui server fisici e virtuali

Platespin Migrate disaccoppia i workload dall’hardware sottostante e permette di migrare in qualsiasi luogo nella rete tra server fisici, host virtuali e file immagini.

Platespin Orchestrate , evoluzione di ZenWorks Orchestrator, interagisce con i server di configurazione e gestione dello storage al fine di gestire la relazione tra il computer fisico e le risorse di storage.

Platespin Protect fornisce la protezione dei workload utilizzando la virtualizzazione come piattaforma di recovery per carichi fisici e virtuali.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore