Da Rsa il tema della data loss prevention

SicurezzaSoluzioni per la sicurezza

Il mercato reagisce in modo reattivo agli adempimenti normativi

Non solo strong authentication per Rsa. La divisione sicurezza di Emc , le cui soluzioni sono state integrate nello storage della casa madre, sembra riproporsi al mercato italiano con una nuova identità e una nuova proposta che ruota attorno alla gestione del rischio e della protezione delle informazioni aziendali , oltre che alla identità elettronica.

Come spiegano in Rsa, con una serie di intereventi essenzialmente di tipo formativo sul canale si sta passando da una fase di reclutamento dei partner di canale a un loro consolidamento in termini di competenze. A livello di soluzioni in Italia sono in corso progetti che coinvolgono Rsa anche al di fuori del suo tradizionale settore di riferimento finanziario . Essi riguardano il campo manifatturiero e quello della sanità pubblica alle prese con la protezione dei dati sensibili.

Il mercato , secondo i responsabili di Rsa, si sta muovendo in modo reattivo agli adempimenti normativi previsti dalla legge. Si tratta di progetti che hanno una loro validità in caso di coinvolgimento di almeno 500 utenti.

Quanto ai prodotti ogni nuovo annuncio è rimandato alla prossima edizione americana della Rsa Conference prevista in aprile. Nel frattempo la società propone sul mercato italiano una suite di Data Loss Prevention progettata per orchestrare centralmente le policy che proteggono i dati sensibili, nel data center, nella rete, negli endpoint, oltre che a fornire strumenti di discovery e detection , elementi essenziali per l’identificazione dei rischi legati alle informazioni e per proteggersi dalla perdita di dati sensibili, ovunque essi risiedano.

La suite è composta da Dlp Enterprise Manager, una console centrale che raccoglie ed elabora l’informazione sui tipi di dati e sulle policy per metterli al sicuro, che lavora in collaborazione con un agente ( Dlp Endpoint) che identifica i dati critici sui vari endpoint. Questo impedisce anche che i dati sensibili vengano copiati, stampati o salvati su Cd o attraverso porte Usb. Questa caratteristica serve a minimizzare ogni disturbo per gli utenti finali che hanno un’esigenza legittima di copiare i dati assicurando al contempo che quelli sensibili non escano dall’endpoint, come stabilito dalle policy di sicurezza. DLP Network localizza i dati sensibili che navigano sulla rete come email, Instant Messaging o traffico web mail e applica l’azione più appropriata come il blocco, la quarantena o la crittografia. Dlp Datacenter è uno strumento per analizzare i dati che stanno nei data center.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore