Da Sun, ecco il pay per use

Workspace

Lo storage, dal calcolo all’archiviazione dati, potrà avvenire on demand

Un dollaro per Gbyte al mese. Ecco il prezzo per il computing

on

demand, la nuova strategia proposta da Sun

Microsystems. L’azienda californiana ha deciso che certe operazioni, dal calcolo all’archiviazione dati, possono avvenire “in affitto” e cioè utilizzando come modalità di pagamento il pay per use. Un nuovo modello di storage online potrebbe quindi prendere il largo: il computing power è in vendita e si paga con carta di credito, anche per microprocessore all’ora. Questo nuovo business sarà reso possibile dalle nuove Grid (letteralmente griglie) di Sun: i server connessi l’uno all’altro trovano così un impiego dal profitto assicurato.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore