Dagli Usa Office alfresco, work-station mobile per manager in vacanza

LaptopMobility

La postazione comprende telefono cellulare, pc portatile Internet connected, ombrellone salvadispositivi e sdraio ergonomica. Un trend legato alle WiFi, che potrebbe dare vita a un nuovo business

In America, si chiamano work-aholics, secondo un recente neologismo che starebbe a indicare una persona talmente lavoro-dipendente da non riuscire a staccarsene neanche durante le settimane di ferie. Ma i work-aholics non sarebbero solamente dei drogati di lavoro, stando alletimoloogia letterale del neologismo. In inglese o – meglio – in americano, il drogato un doped, da dope, laccezione pi comune per indicare una sostanza stupefacente (anche drug e narcotic), da cui il termine e il fenomeno doping, questultimo purtroppo molto diffuso in certe discipline sportive. I work-aholics sono dei lavoro-dipendenti in termine pi stretto, come vuole letimo dellalcolizzato, l alcoholic. Negli States – a parte i casi pi conclamati di dipendenza dai vari tipi di droga – viene considerato socialmente quasi pi sconveniente essere un alcolista che un drogato. Infatti il primo una persona normale, con il suo lavoro, con la sua sfera dinteressi e di affetti, che per non pi in grado di gestire bene i suoi rapporti con i vari bourbon, cocktail, Martini, scotch e wine-glass che da tempo caratterizzano la vita quotidiana dellamericano medio. Storico, in questo senso, il grande film I giorni del vino e delle rose, con un grandissimo Jack Lemmon nei panni appunto di uno yankee che scivola a poco a poco nellalcolismo. In pratica, il drogato un poveraccio, da aiutare ma non da compatire, mentre lalcolista pi da compatire (soprattutto per la perdita delle sue potenzialit di forza-lavoro) che da aiutare. Stando ai risultati di una recente ricerca di Accenture, societ di consulenza aziendale tecnologica, il 63% dei manager americani non riesce a staccare dal proprio lavoro durante lunica (al massimo due) settimana di vacanza che si prende dopo un anno di lavoro. Tanto vero che si tiene costantemente in contatto con i suoi colleghi di lavoro e con lufficio. Sempre secondo Accenture, un altro 33% controlla frequentemente la propria casella vocale e inoltre un rimanente 16% si porta con s il pc portatile. Per andare incontro alle nuove esigenze di questa inedita figura di manager in ferie part-time (altri avrebbero probabilmente scritto manager/vacanzieri, ma ci rifiutiamo di prendere in considerazione un termine assurdo, scorretto e senza senso, nato dal piattume culturale e lessicale di certo giornalismo televisivo, lo stesso che di recente ha inventato le badanti), in America hanno inventato un nuovo tipo di stazione mobile. Linedita work-station – che ha qualche componente e anche qualche finalit in comune con le WiFi – equipaggiata con telefono cellulare e computer portatile, naturalmente connesso a Internet. Il pacchetto – denominato Office alfresco (agli americani piace fare un certo uso delle parole italiane) – comprende anche uno speciale ombrellone, in grado di schermare efficacemente i dispositivi dai raggi del sole, e una comoda sdraio, studiata su misura per chi sta in spiaggia o ai bordi di una piscina ma ha sulle ginocchia una cartella di documenti da consultare o da commentare con appunti e note. Tra i pi pronti a recepire il nuovo trend, la Hilton, la pi americana delle catene alberghiere a stelle e strisce. Nella propria sede di Nassau, alle Bahamas (teatro delle prime indimenticabili avventure di James Bond/Sean Connery), la compagnia ha gi messo a disposizione dei propri clienti il Sea Mobile Office, noleggiabile a 25 dollari lora. Vorremmo sbagliarci (soprattutto se pensiamo a cosa potrebbero diventare le nostre spiagge nei prossimi anni), ma temiamo proprio che si tratti solamente dellinizio di un nuovo trend e che purtroppo saranno molti gli operatori (aziende di Ict, catene alberghiere, produttori di drink/ombrelloni/sdraio) che si butteranno su questo nuovo business.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore