Dal 21 gennaio le iscrizioni a scuola saranno solo online: ecco come fare

MarketingNetwork
Scuola+ fa il punto sulla digitale digitale nel Lazio

Dal 21 gennaio scatta l’obbligo di iscrizione alla scuola, esclusivamente su Internet. Adiconsum supporterà le famiglie nell’iscrizione scolastica online. Per iscriversi servono Pc, account email e connessione alla Rete

Per il prossimo anno scolastico, le iscrizioni scolastico prevedono esclusivamente la procedura online. Niente più carta, ma solo Pc e connessione a Internet, per iscrivere i figli alla scuola primaria e secondaria, di primo e secondo grado. Dal prossimo dal 21 gennaio, le iscrizioni a scuola saranno solo su Internet. Pietro Giordano, di Adiconsum, si preoccupa però di offrire una consulenza gratuita alle famiglie che non hanno Pc, un account di posta elettronica e non sono ancora connessi alla Rete: “Occorre assistere le famiglie che non dispongono di computer e connessione ad Internet.” In Italia, va ricordato che le famiglie internaute, secondo l’Istat, si piazzano alla 22esima posizione fra i Paesi più connessi d’Europa., ferme al palo rispetto al 2011: solo metà delle famiglie italiane (stabili al 55%) sono connesse a Internet, mentre le famiglie che possiedono almeno un PC, sono ferme al 59,3%, anche se è in aumento il valore percentuale (da 45,8 a 48,6) delle abitazioni che possono disporre di una connessione al web in banda larga.

In questa situazione di divario digitale, giunge l’obbligo di iscrizione alle scuole, esclusivamente online, a seguito dell’attuazione della Spending review, per tagliare i costi della PA. “Tale scelta – dichiara Pietro Giordano, Segretario Generale Adiconsumpone interrogativi sull’effettiva possibilità per tutte le famiglie di procedere in modo autonomo e con facilità alla registrazione sul sito del Ministero e alla compilazione della domanda di iscrizione. Infatti nonostante la circolare 96/2012 del Ministero  preveda che gli istituti destinatari delle domande in primis, ma in subordine anche quelli di provenienza, offrano supporto alle famiglie prive delle necessarie dotazioni informatiche, occorre intervenire soprattutto nel Meridione e nelle aree più svantaggiate, dove la penetrazione di Internet e degli stessi strumenti informatici è più scarsa. Vi è poi il problema della mancata copertura del servizio ADSL in molte zone, dove solo in un’ottica di servizio universale e non di mercato si potranno finalmente realizzare le necessarie infrastrutture”. Il divario digitale e culturale dell’Italia andrà colmato con l’Agenda Digitale, appena varata dal governo Monti. “Adiconsum – conclude Giordano invita le famiglie a segnalare al Ministero e per conoscenza anche alle nostre sedi territoriali e al gruppo Facebook “Adiconsum Scuola”, le eventuali criticità che si dovessero presentare”.

L’iscrizione alle prime classi della scuola primaria e a quelle della secondaria di primo e secondo grado, dovrà avvenire online, previa registrazione della famiglia al sito del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, e invio tramite e-mail di un codice di accesso. Per iscrivere i propri figli a scuola, i genitori, fino al 28 febbraio, dovranno registrarsi al sito web www.iscrizioni.istruzione.it e spedire il modulo in formato elettronico predisposto dalle scuole,; le scuole invieranno la ricevuta alle famiglie per posta elettronica.

In ogni scuola saranno presenti addetti scolastici pronti ad aiutare i genitori ad effettuare l’iscrizione via web per iscrivere i propri figli a scuola. Eccezioni alla procedura riguardano: la scuola dell’infanzia, i corsi per l’istruzione degli adulti, e le scuole paritarie (tranne quelle che hanno optato per la modalità online).

Adiconsum supporterà le famiglie nell'iscrizione scolastica online
Adiconsum supporterà le famiglie nell’iscrizione scolastica online
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore