Dal primo luglio roaming UE dimezzato

MarketingNetworkProvider e servizi Internet
Dimezzato il roaming UE dal primo luglio
2 1 Non ci sono commenti

Il costo della navigazione su Internet all’estero sarà tagliato del 55,5%. Telefonare all’estero avrà un prezzo ridotto del 21%. La UE taglia il roaming dal primo luglio

A partire dal prossimo 1 luglio, il prezzo del roaming è dimezzato nell’Unione europea (UE). L’Unione europea ha fissato i nuovi tetti di spesa per il roaming, e cioè per collegarsi a internet dal proprio smartphone in un altro paese dell’Unione europea.

Il costo della navigazione Web all’estero, il roaming dati su Internet, sarà tagliato del 55,5%: dunque, il download di dati per un megabyte costerà 20 centesimi di euro, rispetto ai 45 centesimi attuali.

Telefonare all’estero avrà un prezzo ridotto del 21%: passerà dagli attuali 24 centesimi a 19 centesimi al minuto, mentre ricevere telefonate costerà 5 centesimi, rispetto ai 7 attuali. Il costo degli SMS, dal primo luglio, è di 6 centesimi di euro.

Dimezzamento del roaming UE dal primo luglio
Dimezzamento del roaming UE dal primo luglio

Il Parlamento europeo ha approvato la riforma delle Tlc in Europa, che prevede entro dicembre 2015 la fine delle tariffe supplementari in roaming sui servizi telefonici mobili quando gli utenti viaggiano in un Paese Ue differente dal proprio. L’azzeramento del roaming significa l’abbattimento delle frontiere nell’Unione europea per chi telefonia e dati in mobilità. Ma l’iter della riforma non è concluso: ora la roadmap prevede il semaforo verde degli Stati membri.

Ma tutto è appeso a un filo: dipende se il Consiglio europeo approverà o meno la riforma delle Tlc prima della fine del mandato dell’attuale Commissione (ad ottobre). Jose Barroso, presidente della Commissione europea, tempo fa aveva posto la domanda: “Non è un paradosso che abbiamo un mercato interno unico per le merci, ma abbiamo 28 mercati digitali nazionali?”. Ma la risposta va ancora trovata, o forse, calibrata meglio. Infatti l’industria Tlc teme che l’impatto della riforma su profitti ed investimenti. Il piano del Mercato Unico Tlc di Neelie Kroes prevede l’azzeramento del roaming, ma, secondo le Telco, il taglio deprime anche i loro margini. Il piano del “Telecom single market” è una riforma del mercato Telco europeo, che spazia dall’azzerando il roaming al disboscamento della giungla di tariffe, per unificare il mercato Tlc europeo in un “singolo mercato”. vuole eliminare, entro il 2015, le tariffe per il roaming applicate  alle chiamate entranti quando si viaggia nella Ue. Bloccherà le maggiorazioni alle chiamate intra-Ue.

Conoscete la storia dell’Europa nella tecnologia? Misuratevi con un Quiz!

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore