Dall’Antitrust UE maxi-multa al cartello delle Tv

Autorità e normativeAziendeGiustiziaMarketingMercati e FinanzaNormativa
Sentenza del TAR: il sistema SPID deve aprire alle PMI

Philips, LG Electronics, Samsung ed altre cinque aziende sono state accusate di fare cartello e sanzionate dall’Antitrust UE. Multa di 1.47 miliardi di euro. Ancora nessuna decisione su Google

L’Antitrust europeo ha deciso per il pugno duro contro il cartello delle Tv e dei monitor. Philips, LG Electronics, Samsung ed altre tre aziende sono state accusate di fare cartello e di aver fissato i prezzi di Tv e monitor a tubo catodico per un decennio.  sanzionate dall’Antitrust UE. La multa è da record: 1.47 miliardi di euro in tutto. La commissione europea ha comminato la sanzione più alta, pari a 313.4 milioni di euro, alla danese Philips. LG Electronics ha ricevuto la seconda sanzione per entità:  295.6 milioni di euro.

L’authority ha poi sanzionato Panasonic per 157.5 milioni di euro, Samsung SDI per 150.8 milioni di euro, Toshiba per 28 milioni di euro e la francese Technicolor per altri 38.6 milioni di euro. Sono state comminate multe miniori anche a due joint venture di Panasonic. La taiwanese Chunghwa Picture Tubes aveva dato la “soffiata” sul cartello di TV e dei monitor computer, evitando così la multa.

Secondo l’Antitrust UE erano stati messi illecitamente in piedi due cartelli, uno sulle TV ed uno sui monitor per computer che operavano a livello globale nella decade fra il 1996 e il 2006, periodo durante il quale i manager fissavano i prezzi e dividevano le quote di mercato ai “green meetings”, cosiddetti perché terminavano con immancabili partiti a golf.

Questi cartelli per i tubi a raggio catodico sono ‘cartelli da manuale‘: racchiudono tutte le peggiori caratteristiche dei comportamenti anti-competitivi, rigoramente proibiti per le aziende che fanno business in Europa,” ha stignatizzato in una nota il commissario alla competizione UE, Joaquin Almunia.

Almunia ha spiegato che le violazioni hanno arrecato danno ai consumatori visto che gli svhermi di questa tipologia detenevano dal 50 al 70% del prezzo dei monitor Pc. Da anni sono stati sostituiti da tecnologie più avanzate come gli schermi Liquid-crystal display (LCD), display al plasma e organic light-emitting diodes (OLED).

I regolatori Antitrust non hanno invece ancora preso nessuna decisione in merito a Google. Lo ha affermato il commissario Antitrust Joaquim Almunia, spiegando che i colloqui continuano.

Antitrust UE: colpito il cartello delle Tv e dei monitor. Niente su Google
Antitrust UE: colpito il cartello delle Tv e dei monitor. Niente su Google

 

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore