Dall’Austria un paracadute speciale contro le cadute dei droni

AziendeStart Up
Corso di formazione per droni in Basilicata
3 4 Non ci sono commenti

Due studenti di Graz, Markus Manninger e Andreas Ploier hanno sviluppato Drone Rescue, un sistema di salvataggio anti-caduta per droni. Il prototipo del prodotto, per il quale è già stata avviata domanda di brevetto, sarà completato entro la fine del 2016 e per il prossimo anno è prevista una fase di prove di volo

Si parla tanto di droni, ma vi siete mai chiesti quanto possa pesare un drone che, accidentalmente, dovesse precipitare la suolo? In media 15 chilogrammi. Se lo sono chiesti due studenti di Graz, in Austria, Markus Manninger e Andreas Ploier che hanno sviluppato Drone Rescue, un sistema di salvataggio anti-caduta per droni. 

L’obiettivo principale del nuovo prodotto è ridurre il rischio di infortuni a persone e portare a terra la ‘costosa attrezzatura’ in modo sicuro in caso di malfunzionamenti in aria.  Il sistema progettato da Manninger e Ploier è in grado di riconoscere automaticamente un malfunzionamento del drone, e quindi un potenziale incidente, e rilasciare autonomamente uno speciale paracadute.

CES 2016 - Il drone cinese EHang 184 trasporta persone come un taxi volante

In questo modo la caduta del drone diventerà più lenta e quest’ultimo verrà portato in modo sicuro a terra, riducendo al minimo lesioni e danni materiali. Il prototipo del prodotto, per il quale è già stata avviata domanda di brevetto, sarà completato entro la fine del 2016 e per il prossimo anno è prevista una fase di prove di volo. Attualmente è in corso la ricerca di investitori e partner.

I due giovani imprenditori hanno recentemente vinto un premio a nome dell’Austria, in occasione della European Satellite Navigation Competition organizzata dalla European Space Agency ESA. I due inventori sono stati sostenuti nel loro progetto dal centro di avviamento accademico Science Park Graz, che grazie al proprio team e a una rete di esperti, supporta i laureati provenienti da tutti i settori fornendo consulenza professionale e di coaching, le infrastrutture e il finanziamento necessari alla fase precedente a quella di startup. 

Parrot MiniDrones Hydrfoil Orak

Negli ultimi vent’anni l’Austria ha compiuto enormi passi avanti in ambito Ricerca & Sviluppo: ne è prova il balzo della percentuale di investimento nella ricerca rispetto al Pil, passata dall’1,53% (nel 1994) all’attuale 3,07%, posizionandosi pertanto nettamente al di sopra della media Ue del 2,03% (dato del 2014).

Nel 2016 in Austria sono stati investiti 10,74 miliardi in R&S. Oggi l’Austria è tra i pochi Paesi europei ad aver superato l’obiettivo del 3% stabilito dall’Unione Europea nella strategia di crescita Europa 2020. L’Austria continua a confermarsi in particolare come ambita sede di ricerca in Europa nei settori del futuro come Bioscienze, Ambiente & Energia, Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (Ict), Mobilità & Traffico. La dinamica della forza innovativa si manifesta anche nell’obiettivo prefissato per il 2020: un ulteriore incremento della quota di ricerca sul Pil fino ad arrivare al 3,76% – valore nettamente al di sopra del volume di investimenti in R&S del 3% del Pil definito dall’Ue per Europa 2020.

Quiz – I droni. Tanti progetti sono realtà, conoscete questo mondo?

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore