Dall’Unione europea incentivi per banda larga e e-book

Autorità e normativeAziendeMarketingMercati e Finanza
Neelie Kroes, UE

Dieci miliardi di euro di fondi per la banda larga dalla UE. La vicepresidente della Commissione europea responsabile per l’Agenda digitale Neelie Kroes detta le regole per gli e-book

I vertici della Commissione Europea hanno annunciato fondi per promuovere la  banda larga: si tratta di dieci miliardi di euro. I fondi saranno destinate alle aree rurali meno redditizie dove gli operatori non sono incentivati a investire. “L’Europa ha necessità di queste reti ad alta velocità, affinché la sua economia diventi più competitiva nel futuro – ha affermato un portavoce della Commissione – Per creare nuovi posti di lavoro e in generale favorire la prosperità“. Ogni euro, investito dalla Commissione, renderà da 6 a 15 euro.

Intanto la vicepresidente della Commissione europea responsabile per l’Agenda digitale detta le regole per far decollare il mercato degli e-book in Europa: servono un‘Iva uniforme, che non penalizzi i libri elettronici e una protezione del diritto d’autore; compatibilità degli standard; il ruolo delle Authority, affinché non ostacolino il mercato dei contenuti digitali.

Secondo l’AIE in Italia gli ebook ammontano appena allo 0,04% del mercato editoriale complessivo: il settore  fatturava 1,5 milioni di euro a dicembre 2010 e triplicherà a 3-4 milioni a fine 2011. Lontano peò dai numeri statunitensi.

Neelie Kroes, UE
Neelie Kroes, UE
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore