DALnet proibisce il file-sharing

NetworkProvider e servizi Internet

Uno dei primi ospiti di un servizio scambio di file online, ha deciso di abbandonare questa controversa attività e tornare sui suoi passi in qualità di chat network

DALnet, uno dei più importanti network a offrire un servizio di chat, antenato di Napster e Kazaa, ha annunciato lintenzione di chiudere, a partire da marzo, quei canali il cui scopo principale è la distribuzione di file. In un messaggio comparso sul sito ufficiale di DALnet lunedì scorso, gli amministratori hanno dichiarato di voler impedire agli utenti di utilizzare un canale con lo scopo principale di facilitare il trasferimento di file. Il fatto è che DALnet è un network IRC (Internet Relay Chat) e non un network di file-sharing ha scritto uno dei responsabili di DALnet, conosciuto anche come MirclMax, in unintervista via e-mail. È pieno di altri siti cui le persone possono rivolgersi per trovare o scambiare file. DALnet è invece il sito per chi vuole chattare. Fondata nel 1994, DALnet ha ospitato da allora migliaia di canali e centinaia di migliaia di utenti che impegna in una vasta serie di attività, tra cui lo scambio di media di tutti i tipi. Benché gli amministratori di DALnet sostengano che la nuova politica non sia una risposta ad una pressione legale a seguito di infrazioni alle leggi sul copyright o contro la pirateria, il network sta senza dubbio cercando di prendere le distanze dai problemi legali in cui sono incorsi siti di file-haring come Napster, Kazaa e Morpheus. Dischi, film, videogiochi e altro software piratato hanno fatto la loro prima comparsa proprio su network IRC. Shawn Fanning, co-fondatore di Napster, entusiasta sostenitore del protocollo IRC, aveva dichiarato, testimoniando al Senate Judiciary Committee, che Napster era nato avendo presente il modello IRC. Primo grande network a proibire attivamente il file-sharing, DALnet ha deciso per questa politica dopo diversi mesi difficili in cui è stato colpito da una serie di attacchi tipo denial-of-service. Il divieto ha senza dubbio indispettito alcuni utenti del file-sharing. Secondo IRCNews.com, gli amministratori di DALnet si troveranno verosimilmente ad affrontare una strenua resistenza e potrebbero finire col fare come il gatto con il topo con gli utenti che rifiutano di smettere di scambiare file sul network. MirclMax, che ha dichiarato di aspettarsi un certo attrito da questa situazione, ha commentato filosoficamente sulla questione delle reazioni Purtroppo sembra che qualsiasi decisione in questi giorni possa provocare che qualcuno, da qualche parte si vendichi con qualcosa tipo attacchi denial-of-service. Ma, ad un rapido esame dellutenza di DALnet lunedì sera, sembra che a non tutti dispiaccia il cambiamento di politica.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore