Data retention diventa direttiva Ue

NetworkProvider e servizi Internet

I dati sul traffico delle comunicazioni saranno conservati da 6 a 24 mesi

Il Parlamento europeo ha detto sì all’antiterrorismo telefonico e telematico, fortmente voluto dalla Gran Bretagna dopo i tragici fatti di Londra dello scorso luglio. L’Unione europea ha quindi una nuova normativa sul Data retention, che prevede che le società telefoniche sono obbligate a conservare i dati fra i 6 e i 24 mesi. Nella direttiva è inoltre specificato che i costi supplementari per i gestori non dovranno ricadere sugli stati membri della Ue. Le spese per la conservazione dei dati ricadranno su operatori telefonici e provider. Inoltre i dati conservati nell’intercettazione di massa europea non serviranno solo a combattere il terrorismo, ma potranno essere anche utilizzati contro la pirateria musicale.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore