Data retention per i siti Usa

Sicurezza

In base a una recente proposta del Ministro della Giustizia potrebbe essere
necessario mantenere i dati degli utenti per due anni contro il terrorismo e la
pedofilia

L’Fbi ha chiesto alle maggiori società web di conservare per due anni i dati dei loro utenti, per possibili indagini su terrorismo e pedofilia. La richiesta, rivela Usa Today, è stata avanzata anche dal Ministro della Giustizia americano Alberto Gonzales. Primi a essere interpellati sono Google, Microsoft, Aol, Comcast e Verizon. Le forze dell’ordine sarebbero interessate soprattutto alle liste del traffico della posta elettronica e delle ricerche fatte su Internet. Il Governo statunitense si è sempre opposto a leggi che obbligassero gli Isp a tempi lunghi di ‘data retention’, ma dopo l’approvazione nel dicembre 2005 della Direttiva europea sulla memorizzazione dei dati fino a due anni, le cose stanno cambiando.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore