Database svaligiati in casa Monster.com

CyberwarSicurezza

Hacker, attraverso server dislocati in Ucraina, hanno rubato 1,6 milioni di
dati dal sito americano Monster.com

Attraverso due server in Ucraina si sono intrufolati nel database di Monster.com rubando 1,6 milioni di dati. Gli hacker hanno agito infettando il sistema con un software denominato Infostealer.Monstres. Questo è quanto ha dichiarato alla stampa americana Patrick Manzo, vice president con responsabilità nella prevenzione dalle frodi e intrusioni di Monster. La notizia è stata confermata anche dal responsabile del sistema di sicurezza per Symantec, Patrik Martin.

Gli hacker pare abbiano fatto man bassa di indirizzi mail, numeri di telefono e, più in generale, dati personali. Nella mail falsa, gli hacker chiedevano ai malcapitati anche informazioni relative ai loro dati bancari, compresi i numeri di conto corrente.

Monster.com non ha ancora individuato i responsabili ma ha inserito nel suo centro di sicurezza online un messaggio molto preciso: gli hacker, attraverso e-mail con allettanti ma false offerte di lavoro, cercano di ottenere dati bancari.

Manzo precisa che la società si rese conto dell’attacco dal 17 agosto scorso e da subito i sistemi investigativi di Symantec si misero all’opera per arginare l’attacco. Manzo precisa inoltre che il processo è stato lento proprio per individuare esattamente quali fossero stati i reali danni al database.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore