Datamat per la tecnologia Grid

Aziende

Datamat acquisisce due nuovi progetti co-finanziati dalla Commissine Europea per lo sviluppo e la diffusione della tecnologia Grid

Nata negli ambienti universitari e scientifici, la tecnologia Grid si sta rapidamente muovendo verso applicazioni commerciali e incominciano a rendersi disponibili soluzioni in questi ambiti. L’impegno di Datamat nella diffusione di questa tecnologia si concretizza ora con l’acquisizione di due nuovi progetti co-finanziati dalla Commissione Europea nell’ambito del Sesto Programma Quadro di Ricerca e Sviluppo Tecnologico, NextGrid e AkoGriMo. Il progetto NextGrid, coordinato da Epcc (Edinburgh Parallel Computing Centre), avrà come obiettivo principale quello di progettare e sviluppare le nuove soluzioni architetturali che saranno alla base della prossima generazione delle infrastrutture Grid. La definizione e l’implementazione di nuovi linguaggi di workflow e la realizzazione di componenti per il “Software Development Kit” sono i due ambiti nei quali è coinvolta Datamat. AKoGriMo (Access to Knowledge through the Grid in a Mobile World), coordinato dalla spagnola Telefonica I+D, avrà invece come principale obiettivo quello di definire le architetture e i servizi Grid “mobili”, pensati cioè per utilizzare e cooperare con le nuove infrastrutture Internet basate su Mobile IPv6. Datamat parteciperà all’architettura del sistema e alla relativa implementazione. “Con questi due nuovi progetti, Datamat partecipa alla fase cruciale di transizione di Grid verso il mercato per raggiungere interessanti benefici economici nel futuro. Vediamo quindi rafforzata la nostra posizione di operatore italiano di riferimento su questa tecnologia nella quale, fin dal 2000, abbiamo deciso di credere ed investire, ottenendo allo stesso tempo un mutuo scambio di esperienze e competenze con il mondo internazionale della ricerca scientifica”, ha commentato Lucio Magliozzi, Direttore Generale di Datamat.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore