27 ottobre 2008

Crisi finanziaria e banche. Dove stiamo andando?

Le banche sono nell’occhio del ciclone nell’attuale crisi finanziaria. Per tornare ad essere competitivi, gli istituti bancari dovrebbero investire più in IT.

Oggi come oggi i maggiori investimenti in tecnologia vengono ancora dalle banche e dalle istituzioni finanziarie: ma, secondo Assintel, la crisi finanziaria che sta colpendo duro le banche di tutto il mondo avrà ricadute (leggi: tagli) sugli investimenti futuri.

Anche il Web 2.0 nel mondo finance, pur essendo poco diffuso, ha da dire la sua per svecchiare le banche. Infatti, la crisi delle banche fa bene al social lending: nei dieci giorni che hanno seguito il lunedì nero delle Borse mondiali, Zopa.it ha registrato una media di 2.500 visite al giorno, con un incremento del 50 per cento rispetto ai dieci giorni precedenti e con un aumento delle iscrizioni del 65 per cento

Banda larga: Italia spaccata in due

La scarsa banda larga rende le Pmi pigre a cavalcare l’Ict.

I dati, forniti sia da Between che da Ngi, parlano chiaro: l’Italia è divisa in due, da una parte, chi vive nelle aree metropolitane, dall’altra, i cittadini di serie B dei piccoli comuni. L’11% degli italiani non potrà accedere alla rete ad alta velocità nel prossimo triennio. Il 3% usa ancora una connettività Internet-lumaca. Del resto l’Italia non riesce a colmare il gap con il resto d’Europa: il Pc conquista solo il 49% della popolazione italiana, e nel 2010 raggiungerà un modesto 60% contro l’80% di penetrazione europea.

Intanto la Finanziaria 2009 taglia: anche la banda larga. Proprio ora che AgCom spingeva sulla larghissima banda e Telecom Italia chiedeva un New deal per le reti Ngn di nuova generazione

Il governo taglia: la banda larga perde pezzi?

7,3 milioni sarebbero stati dirottati dalle infrastrutture per la banda larga, per finire al Fondo per la competitività e lo sviluppo. Intanto l’Authority Tlc chiede più poteri in vista del passaggio alle reti Ngn

Banche, ma che fate?

Il ruolo delle banche nella attuale crisi finanziaria impone una riflessione. L’IT è strategica per riportarle ad essere competitive. Ne parliamo con Ezio Viola, vice president IDC Emea in ambito finance