Decreto Urbani: l’intervento del Governo

NetworkProvider e servizi Internet

Sarà presentato un emendamento al decreto salva cinema.

Il ministro delle Comunicazioni, Maurizio Gasparri, si legge in una nota del Ministero, ha dichiarato: “Presto il Governo presenterà in Commissione Cultura della Camera, un emendamento al Decreto Urbani sull’antipirateria audiovisiva, che accoglie in pieno le istanze provenienti dal mondo di Internet e dagli Internet Service Provider, e fornisce un contributo di chiarezza e incisività alla lotta alla pirateria attraverso Internet”. A proposito di provider ricordiamo che secondo l’articolo 1, il decreto obbligherebbe questi ultimi, pena il pagamento di sanzioni amministrative dai 50.000 ai 250.000 euro, a segnalare alla polizia eventuali attività di scambio illegale di file, fornendo tutte le informazioni utili all’individuazione dei responsabili, oltre a impedire l’accesso e a rimuovere i contenuti segnalati dall’autorità competente. Per ora Urbani si è limitato a escludere la punibilità per i privati che scaricano video protetti dal copyright. ”L’emendamento – prosegue il Ministro – si propone di regolamentare la diffusione lecita delle opere attraverso la rete multimediale, mediante l’obbligo di informare l’utente dell’avvenuto pagamento dei diritti d’autore. Il nuovo reato di diffusione abusiva per via telematica di opere protette dal diritto d’autore sussiste solo in presenza del fine di lucro. Si è inteso in tal modo colpire direttamente chi, della pirateria su Internet, fa un vero e proprio commercio”. “Il nuovo testo della disposizione – conclude il Ministro – costituisce il frutto di un intenso confronto tra tutte le categorie di soggetti coinvolti e dell’impegno personale dei Ministri Urbani e Stanca a trovare una soluzione condivisa, senza minimamente allentare la lotta alla pirateria”.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore