Dell cerca di rubare altre scuole a Apple

Workspace

Forte competizione fra Dell e Apple per il predominio sul mercato scolastico internazionale…

Nei piani della Dell è previsto un aumento delle vendite di computer alle scuole e alle università in Cina, Brasile, India e Germania per cercare di strappare alla Apple, tradizionalmente molto forte in questo settore, nuove fette di mercato. Kevin Rollins, co-presidente della Dell Computer, ha dichiarato che lazienda sta rivolgendo sempre maggiore attenzione ai mercati internazionali per solidificare il suo vantaggio su Apple, che fino al 1999 era al primo posto nelle vendite al sistema educativo statunitense. Nel 2000 la Dell è passata davanti alla Apple, conquistando il 17,3% dei 12 miliardi di dollari fatti circolare dal mercato scolastico statunitense, rispetto al 13,9 della Apple. La Dell, che utilizza processori Intel e i sistemi operativi Microsoft, guarda al futuro con fiducia, poiché ritiene che gli insegnanti americani preferiscano adottare gli stessi sistemi operativi che poi i loro studenti si ritroveranno di fronte una volta entrati nel mondo del lavoro. La diminuzione delle vendite accusata da Apple negli ultimi due trimestri, è anche dovuta alle minori commesse da parte di scuole e università. La Apple ha un duro compito, dice Rollins, quando queste istituzioni passano al mondo Intel-Windows, difficilmente tornano indietro. Il numero di scuole e università che passano a Intel è in continua crescita e Dell sta facendo la parte da leone in questo mercato. Le previsioni dicono che la richiesta di computer potrebbe crescere del 50% allanno nei prossimi anni, soprattutto grazie a mercati emergenti quali quelli cinese e brasiliano. Per contrastare la supremazia di Dell, Apple ha recentemente richiamato in azienda Cheryl Vedoe, business manager storico dellazienda, con il compito specifico di curare le vendite nel settore scolastico.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore