Renesto (Dell), le PMI hanno risorse intellettuali e tecniche, ma non basta per prepararsi al cloud

Aziende
Ivan Renesto, Dell Italia

SPECIALE CLOUD – Primo passaggio nello studio di una soluzione cloud coerente con gli obiettivi è la virtualizzazione delle risorse. La proposta e la prospettiva di Dell

Ivan Renesto è Enterprise Field Marketing Manager Dell Italia, a lui spetta la risposta a una delle domande più critiche se riferita al cloud computing, proprio pensando alle piccole e media aziende, e a quale dei servizi cloud offerti da Dell sono più adatti per rispondere alle esigenze delle pmi italiane. Renesto spiega: “Un elemento  fondamentale in qualsiasi soluzione cloud pubblica, privata o ibrida è costituito dalla virtualizzazione delle risorse. Ogni azienda che voglia approcciare il cloud deve predisporre adeguatamente la propria infrastruttura IT in quest’ottica. Realizzare questo concretamente non è però semplice e sono ancora poche le aziende italiane che si possono considerare realmente pronte, specialmente se consideriamo le nostre pmi”.

Secondo Dell, anche se si dispone delle risorse intellettuali e tecniche si deve in ogni caso procedere alla selezione dei dispositivi più adatti, integrarli e configurarli, realizzare sistemi pilota, eccetera. Un insieme di attività che implica  non solo costi ma anche tempi lunghi e che quindi può posticipare il momento da cui si può iniziare a godere dei benefici economici e operativi derivanti dalla virtualizzazione del data center e successivamente dall’adozione del cloud. “Aziende come Dell – prosegue Renestosono in grado di supportare le organizzazioni sia nella fase di evoluzione della propria infrastruttura IT verso la virtualizzazione, sia nella fase di scelta della tipologia di cloud più adatta alle proprie necessità, riducendo così in maniera considerevole i tempi di ritorno dell’investimento legato all’adozione di soluzioni cloud”.

Ivan Renesto, Dell Italia
Ivan Renesto è Enterprise Field Marketing Manager Dell Italia

Per consentire alle aziende di predisporre un proprio cloud privato pronto per una futura evoluzione verso cloud ibridi e/o pubblici, la nuova famiglia di infrastrutture convergenti di Dell, Active Infrastructure,consente di rispondere più rapidamente alle esigenze di business, migliorare l’efficienza del data center, e aumentare la qualità dei servizi IT. È l’ideale per aziende che si standardizzano su architetture server x86 e necessitano di un’infrastruttura più dinamica che operi in modo semplice e automatico.ù Dell offre due modalità di implementazione di architetture Active Infrastructure:

  1. Attraverso Sistemi pre-integrati, pre-ingegnerizzati, pre-assemblati, e pre-testati, associati a servizi di implementazione;
  2. Per mezzo di soluzioni  Active System, progetti personalizzabili per la creazione di infrastrutture virtuali.

Inoltre, a dimostrazione di quanto sia semplice l’evoluzione verso il Cloud una volta implementata una soluzione di virtualizzazione, Dell lo scorso anno ha lanciato in alcuni paesi europei il servizio Dell Cloud che consente alle aziende di fruire di risorse IaaS, in cloud pubblico, su piattaforma Vmware gestite come una semplice estensione della propria infrastruttura di virtualizzazione locale.

 

– Appuntamento con lo SPECIALE CLOUD di ITespresso : ogni giorno proporremo una’intervista a un manager delle più importanti aziende presenti in Italia impegnante nel cloud computing.

– Per conoscere la prospettiva sul cloud computing per le grandi aziende leggi anche lo SPECIALE CLOUD di TechWeekEurope.

– Per approfondire le strategie di vendita sul cloud computing leggi lo SPECIALE CLOUD di ChannelBiz.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore