Destinator PN

Management

Interfaccia 3D, navigazione per i pedoni, gestione del Tmc e supporto di Windows Mobile 5 sono le caratteristiche del noto software di navigazione Gps, che sarà presto sostituito dall’annunciata versione 6

Sviluppato adesso dalla canadese HSTC, Destinator PN è dedicato a Pda con sistema operativo Microsoft. Lo si trova già in bundle con molti recenti sistemi Gps, ma è anche venduto da solo, in edizione completa o come aggiornamento per chi possiede Destinator 3 o Lite al prezzo ribassato di 99 euro. A chi si domanda se l’upgrade è opportuno, diciamo subito che le novità sono abbastanza corpose da valere la spesa e coinvolgono soprattutto l’ergonomia, ma anche l’efficienza e le prestazioni. Dopo l’installazione sul Pc della console, che serve a caricare l’applicazione e le mappe sul palmare, è necessario attivare il prodotto via Internet e si può quindi procedere a scaricare la cartografia Navteq sulla memoria del dispositivo. Le prime copie di Destinator PN richiedevano una patch da scaricare per funzionare correttamente su Windows Mobile 5, ma con le edizioni attuali non dovrebbe essere più necessario. Le mappe Navteq, malgrado l’accresciuto livello dei dettagli e il maggior numero di punti di interesse, sono rimaste ragionevolmente compatte e in circa 200 Mbyte si possono inserire il nord Italia, l’Austria e Svizzera. Nei due Cd della dotazione base si trovano le mappe di tutta l’Europa occidentale, suddivise per nazione in più è possibile installare le sole strade di grande comunicazione del vecchio continente e risparmiare spazio sul dispositivo o ritagliare i blocchi di cartografia predefiniti secondo le proprie esige. La funzione Xregion consente di pianificare itinerari anche al di fuori della nazione di partenza senza soluzione di continuità, a patto di avere sul palmare tutte le mappe necessarie. La nuova interfaccia è molto pulita e si presta a essere utilizzata tanto in orizzontale quanto in verticale. In primo piano c’è la cartografia, colorata in modo moderno e ben chiaro, con ai lati dello schermo piccole icone che diventano semitrasparenti quando sono inutilizzate e permettono l’accesso alle varie funzioni del programma. Al centro appare il dettaglio della svolta solo quando serve, in prossimità di un incrocio, e la voce femminile registrata scandisce con chiarezza le operazioni da effettuare. Sempre dalla console si possono aggiungere voci preregistrate in nove lingue europee. La visualizzazione può essere personalizzata in molti modi. Intanto è possibile aggiungere destinazioni preferite da richiamare con un solo tocco, e poi c’è finalmente la vista tridimensionale, già disponibile per alcuni concorrenti. Si tratta di una modalità di visualizzazione utile in alcuni casi ma ancora immatura nella quantità di informazioni offerte. Basta poi un tocco sull’apposita icona e lo schermo si imposta su colori adatti alla navigazione notturna. Dalla schermata principale si ricavano a colpo d’occhio molte informazioni. Ad esempio il cursore di posizione si restringe all’aumentare della velocità del veicolo e cambia colore a seconda del livello del segnale Gps. Il sistema supporta anche la personalizzazione tramite uno skin-editor e gestisce dinamicamente le informazioni sul traffico, a patto di disporre di un navigatore con l’apposito ricevitore. Per il resto il programma ha mantenuto la versatilità e la semplicità d’uso delle edizioni precedenti, ma anche una certa pesantezza nell’elaborazione che ne consiglia l’uso con processori dalle buone prestazioni. Se si dispone di un palmare con funzionalità telefoniche è poi possibile spedire con semplicità la propria posizione via Sms e perfino mandare porzioni di mappa come immagine via Mms. Infine, è stata aggiunta una nuova modalità di navigazione dedicata ai pedoni, che non tiene conto dei sensi unici. Questa primavera arriva l’edizione 6, ancora migliorata. Votazione: 83

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore