Detrazioni per la tv digitale: c’è il decreto ma…

Autorità e normativeNormativa

Il ministero delle comunicazioni ha emanato il decreto che non trova il
consenso di Altroconsumo. Eccone le motivazioni

Il ministero delle Comunicazioni ha emanato il decreto di attuazione della Finanziaria 2007 sulle detrazioni fiscali per l’acquisto di televisori digitali.

Rispetto a quanto era stato stabilito in origine, fa sapere Altroconsumo, il decreto, giunto con notevole ritardo rispetto alle previsioni, apporta alcune modifiche.

In particolare, amplia le opportunità di godere dell’agevolazione: in sé il fatto è positivo, ma se una legge esce a gennaio con alcune limitazioni e a fine settembre queste si riducono con effetto retroattivo, possono nascere disuguaglianze tra contribuenti, in particolare per chi ha già effettuato l’acquisto. Senza contare che la prassi di cambiare le cose in corsa, largamente diffusa, viola lo Statuto del contribuente.

All’inizio la detrazione era prevista solo per l’acquisto di televisori con il sintonizzatore digitale integrato; ora rientra nell’agevolazione qualsiasi apparecchio adattabile alla ricezione dei segnali televisivi digitali, compresi i decoder. L’unico vincolo è che la ricezione dei programmi avvenga senza costi aggiuntivi per l’utente da almeno una delle piattaforme tecnologiche di diffusione via etere terrestre, via cavo o satellite.

Il Ministero pubblica sul sito www.comunicazioni.it , l’elenco aggiornato di tutti gli apparecchi che possono sfruttare l’agevolazione, compresi quelli che sono stati in vendita durante l’anno e che ora non lo sono più – quindi chi ha comprato un prodotto può verificare ora se è agevolabile – ma può sorgere il problema della documentazione. Il decreto ministeriale, infatti, prevede che siano conservati ed esibiti il canone Rai pagato e lo scontrino fiscale o la fattura dalla quale risulti la marca e il modello dell’apparecchio e i dati identificativi dell’acquirente. Gli scontrini fiscali, però, non riportano necessariamente la dicitura completa del modello acquistato, men che meno i dati dell’acquirente. Chi ha già acquistato, quindi, avrebbe dovuto richiedere e conservare anche una fattura. Chi compra adesso, invece, deve verificare che l’apparecchio scelto rientri nella lista del ministero delle Comunicazioni, tenere tutti i giustificativi e richiedere una fattura al venditore da cui, a differenza dello scontrino, risulti il modello acquistato e i dati dell’acquirente. Chi può detrarre Chi è in regola con il pagamento del canone Rai per l’anno 2007 potrà detrarre il 20% delle spese sostenute per l’acquisto di una Tv dotata di sintonizzatore digitale integrato, fino ad un importo di spesa massimo di 1.000 euro. L’acquisto, specifica la legge, dovrà avvenire entro il 31 dicembre 2007.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore