Diane Greene (fondatrice) lascia Vmware

CloudServer

Emc mette al suo posto Paul Maritz (ex Microsoft)

Con una mossa che ha scosso l’intera Silicon Valley, Diane Greene ha lasciato la sua carica di Cief Executive Officer di Vmware. Complice l’attuale stato del mercato azionario le azioni della società hanno perso il 25% , anche per l’annuncio di una crescita prevista più modesta (sotto il 50%) per l’anno in corso rispetto all’anno precedente.

Greene aveva contribuito a fare di Vmware una società da 1,3 miliardi di fatturato e da 6 mila dipendenti nell’arco di dieci anni. Da Emc, che controlla circa l’85% delle azioni di Vmware, nessun commento, ma gli analisti parlano di diversità di vedute con Joe Tucci, Ceo di Emc, sul futuro di Vmware, forse sulla possibilità di un vero spin-off della società dal grembo di Vmware.

Con la sua tecnologia di virtualizzazione al di fuori del mondo mainframe in ambiente standard Vmware ha creato un mercato nuovo del software IT, aprendo una strada poi seguita da Microsoft, Sun Microsystems, Hewlett-Packard e Citrix. Green sarà sostituita da Paul Maritz, già dirigente di Microsoft fino al 2000, ma fondatore di Pi Corp, comprata da Emc lo scorso febbraio.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore