Dieci previsioni-chiave di Gartner per il mercato IT nel 2010

Workspace

Entro il 2012, il 20% del business non possederà asset IT grazie a virtualizzazione e cloud computing. Inoltre Facebook diventerà l’hub per l’integrazione dei social network. Gartner parla anche di Twitter, pubblicità online, banking, telefonia mobile e Green IT

Gartner illustra dieci previsioni-chiave per le aziende IT e gli utenti, da tenere a mente nell’anno appena iniziato. Gartner delinea le tendenze e gli eventi che cambieranno la natura del business nel corso dell’anno.

“La ripresa economica prepara il ritorno alla cresvcita,” spiega Brian Gammage, vice presidente e research fellow presso Gartner.

Inoltre, durante la crisi gli chief financial officers (CFO) hanno assunto ruoli più attivi.

Entro il 2012, il 20% del business non possederà asset IT, man mano che crescono virtualizzazione, servizi cloud, mentre gli impiegati usano personal desktop e notebook su reti aziendali.

Il bisogno di computing hardware, o in data centre o sui tavoli d’uffici o, non scomparirà. Ma la proprietà dell’hardware si sposterà verso le terze parti. E le spese IT di fascia enterprise saranno rialklocate verso progetti più strategici; Lo staff IT aziendale verrà ridotto o riformato per accedere a nuovi requisiti e competenze.

Entro il 2012, i servizi IT India-centrici rappresenteranno il 20% degli aggregatori cloud nel mercato (attraverso i servizi Saas e cloud). I servizi con base in India puntano su ricerca e sviluppo(R&D) soprattutto nell’are del cloud computing. Si tratta delle opzioni outsourcing del mercato cloud.

Entro il 2012, Facebook diventerà l’hub per l’integrazione dei social network e della socializzazione online. Attraverso Facebook Connect e simili meccanismi, Facebook supporterà e assumerà un ruolo chiave nello sviluppo di social Web distribuiti e interoperabil i. Grazie alla crescita di Facebook, l’interoperabilità diventerà essenziale per la sopravvivenza degli altri social network, canali di comunicazione e siti media.

Altri siti del Web 2.0 come Twitter continueranno a svilupparsi, cercando adozione e specializzazione in aree della comunicazione e dei contenuti, ma Facebook rappresenterà il denominatore comune per tutti.

Entro il 2014, i business IT dovranno tener conto delle emissioni di CO2 e della necessità di ridurre i consumi energetici, misurando l’impatto ambientale eccetera.

Entro il 2012, il 60% dei nuovi Pc dovranno puntare sul Green IT ed etichette eco-sostenibili.

L’Internet marketing verrà regolamentato entro il 2015, controllando più di 250 miliardi spesi nel settore a livello globale. La lotta allo “spam” verrà intensificata.

Entro il 2014, oltre 3 miliardi di utenti sapranno effettuare transazioni elettroniche via tecnologia mobile o Internet. Le economie emergenti sapranno rapidamente adottare mobile e Internet entro tale data. Progressi verranno compiuti nei pagamenti mobili, commercio e banking via mobile o Pc connessi a Internet.

Gartner prevede inoltre che entro il 2014, la penetrazione della telefonia mobile raggiungerà il 90% a quota 6.5 miliardi di connessioni mobili. La penetrazione non sarà uniforme: l’Asia (excluso il Giappone) raggiungerà il 68%, mentre l’Africa si fermerà al 56%. Le transazioni Cash rimarranno dominanti fino al 2014.

Entro il 2015, il context avrà presso gli utenti mobili la stessa influenza che hanno i motori di ricerca sul Web. La chiave saranno le esperienze di iper-personalizzazione e via smartphone. L’accento verrà messo su localizzazione, presenza e interazioni sociali.

Web, device, piattaforme social, telecom service provider, vendor di software enterprise e infrastrutture di comunicazione competeranno per diventare provider di context significativi nel prossimo triennio.

Entro il 2013, i telefonini cellulare sorpasseranno i PC come disopositivo per accedere al Web. Il numero di Pc in uso raggiungerà 1.78 miliardi di unità entro il 2013, mentre gli smartphone e cellulari supereranno l’1.82 miliardi di unità.

Il Web mobil e sarà dominante: i siti dovranno avere tutti una versione mobile a cui accedere da smartphone e cellulari abilitati.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore