Difesa a più livelli

SicurezzaSoluzioni per la sicurezza

Trend Micro: controllare e gestire il patching. Il punto di vista di Gastone
Nencini, technical support manager

NN. Una gestione efficace dei dati e delle applicazioni comprende anche la protezione della rete aziendale dalla intrusione di tutto quel software indesiderato, se non nocivo, che va sotto il nome di malware: virus di ogni tipo, spamming, spyware. Dal punto di osservazione privilegiato della sua società come è cambiato il panorama delle minacce nel corso di quest’anno. L’Italia presenta delle particolarità di rilievo rispetto al panorama generale? Qual è la soluzione o il prodotto che la vostra azienda propone al mercato in questo ambito?

Allo stadio attuale di evoluzione delle minacce, il problema più sentito è lo spam, anche se, forse, il pericolo principale è lo spyware, visti i rischi che può comportare: l’invasione nella privacy, il furto di dati aziendali sensibili, l’instabilità dei sistemi, l’interruzione della loro operatività ed un immotivato consumo di larghezza di banda. In Italia la situazione è la stessa che nel resto d’Europa e del mondo, anche se negli ultimi tempi stiamo notando l’intensificarsi di attacchi mirati, in particolare il proliferare di attacchi di phishing contro le banche italiane e le Poste. L’approccio che Trend Micro propone ormai da anni è una difesa su più livelli, a partire dal gateway Internet, passando per la mail, il server, il network, fino ad arrivare al desktop, ponendo particolare attenzione anche al problema del patching. In particolare, la nuova InterScan Gateway Appliance (Igsa) di Trend Micro, offre una protezione ?tutto compreso? che blocca automaticamente virus, spyware, spam, phishing, attacchi botnet, Url dannosi e contenuti inappropriati a livello del gateway Internet assicurando un’integrazione essenziale degli antivirus a livello desktop. In particolare, la tecnologia di rilevamento euristico di IntelliTrap e gli Outbreak Prevention Services potenziano le difese contro le minacce emergenti e garantiscono risposte rapide e automatiche al verificarsi di una nuova infezione.

NN. Quali altri strumenti di protezione sono necessari per completare una difesa corretta, anche se minimale?

Sicuramente gli strumenti sopra citati sono importanti, ma ancor più importante è la gestione del pacthing delle macchine. Ormai la maggior parte dei malware tende a sfruttare le vulnerabilità presenti nei computer e quindi aver una macchina aggiornata all’ultima hotfixes riduce notevolmente le possibilità di infezione. In questo senso, un ruolo fondamentale è svolto dalla nostra Enterprise Protection Strategy che, composta non solo da prodotti e tecnologie ma anche servizi e supporto integrati, permette di adottare un approccio preventivo e a 360° alla sicurezza, gestendo in automatico la valutazione delle vulnerabilità, l’applicazione delle patch e delle policy preventive, il rilascio dei pattern file e il ripristino dei sistemi.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore