Dimezzati i fondi per la Banda Larga

MarketingNetworkReti e infrastrutture
SOStariffe.it fotografa lo stato dell'Adsl Italia

Addio alla banda larga: il semaforo verde per lo sblocco dei fondi è vicino, ma i fondi saranno dimezzati. Da 800 milioni si passa temporaneamente a 400 milioni di euro. Una goccia nel mare del Digital divide italiano

I sogni di gloria della banda larga italiana si sciolgono come neve al sole. Il governo sta per scongelare i fondi, messi in stand-by a causa della crisi, ma con una brutta sorpresa: i fondi per la banda larga sono dimezzati, da 800 a 400 milioni di euro. Una goccia nel mare del Digital divide italiano: contro il divario digitale, saranno poca cosa.

Il dimezzamento è stato definito temporaneo, ma sembra essere sicuro, stando a quanto detto da Renzo Turatto, capo del dipartimento per digitalizzazione e dell’innovazione della Presidenza del Consiglio, e riportato da ZeusNews. Ma sarà difficile capire cosa si può fare con appena 400 milioni di euro, quando il Piano Romani ne doveva stanziare 1,4 miliardi di euro.

Il via libera ai fondi dimezzati dovrebbe arrivare dal prossimo Cipe. Nel resto del mondo gli investimenti per la banda ultra larga sono imponenti: Fcc negli Usa ha chiesto al governo Obama di mettere sul piatto 18 miliardi per portare i 100 Mega a 100 milioni di case statunitensi; in Gran Bretagna il partito dei Conservatori, probabile vincitore alle prossime elezioni, vuole i 100 Mega entro il 2017; e la Francia di Sarkozy si muove per digitalizzare la Francia. Secondo Gartner, a creare la domanda di super banda larga saranno i video in alta definizione.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore