Disguido galattico per il gioco di Guerre Stellari.

PCWorkspace

I cavalieri Jedi, i Wookiees o contrabbandieri spaziali sono stati costretti ad aspettare un po’ di più per scoprire il proprio destino tra le stelle.

La scorsa settimana Sony ha aperto le iscrizioni e i videogiocatori hanno finalmente potuto registrarsi per giocare a Star Wars Galaxies. Ma alcuni problemi del software hanno significato, per molti giocatori, ore frustranti d’attesa prima di riuscire a registrarsi. Una volta entrati nel gioco hanno scoperto che i server del gioco erano offline a causa di problemi ai database. Con Star Wars Galaxies, atteso da tempo sia dai videogiocatori che dagli appassionati della saga, i giocatori possono vivere, esplorare ed avere avventure nel mondo descritto dai film. Il gioco è ambientato nell’era classica dell’Universo di Guerre Stellari durante la guerra terminata con la distruzione della prima Morte Nera. Il gioco è stato provato da pochi fortunati giocatori negli ultimi mesi, ma la scorsa settimana i primi veri giocatori hanno potuto iscriversi e cominciare a vivere nelluniverso di Luke, Leia, Han e Chewbacca. Ma i primi che hanno cercato di cimentarsi con Galaxies hanno riscontrato che il mondo futuristico soffre di alcuni problemi decisamente old fashion. La prima mattina che i server preposti alla registrazione degli utenti sono stati attivati, una serie di bug ha provocato per alcuni attese fino a 5 ore per completare il processo di registrazione. Alcuni giocatori hanno passato ore a personalizzare i propri personaggi per poi scoprire che questi bug avevano cancellato tutto il loro lavoro. Sony attribuisce i problemi riscontrati all’enorme mole di persone che si registrava. Ma i problemi non sono finiti quando i giocatori hanno terminato il processo di registrazione o la creazione dei propri personaggi. I server alla base dell’Universo di Glaxies hanno problemi ai database che hanno comportato che alcune persone dovessero rimandare la loro prima incursione nello spazio. Sony ha assicurato che i problemi sarebbero stati risolti a partire da venerdì e da allora oltre 17.000 persone giocano simultaneamente. L’enorme successo dei film della serie suggerisce che presumibilmente il gioco diverrà altrettanto popolare e porterà migliaia di persone a trascorrere intere settimane della loro vita immersi in quell’universo. Gli osservatori del mercato terranno d’occhio Galaxies considerandolo un barometro per misurare il futuro del gioco online. Una copia del gioco, in vendita negli Stati Uniti, costa 50 dollari, ma i giocatori possono anche pagare un quota mensile che va dai 12 ai 15 dollari. In Gran Bretagna il gioco sarà invece lanciato a fine estate.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore