La divisione Dispositivi e Servizi di Nokia entra in Microsoft

AcquisizioniAziendeMarketing
Microsoft - Nokia, completata l'acquisizione
1 1 Non ci sono commenti

Microsoft e la divisione Devices and Services di Nokia si uniscono in un’unica realtà. La chiusura dell’acquisizione costituisce il primo passo verso Microsoft Mobile

L’acquisizione degli smartphone e telefonini di Nokia è completata. Dal 25 aprile, la divisione Dispositivi e Servizi di Nokia entra in Microsoft: Microsoft e la divisione Devices and Services di Nokia si uniscono in un’unica realtà. La chiusura dell’acquisizione costituisce il primo passo verso l’integrazione delle due organizzazioni aziendali in un unico team. “Diamo il benvenuto alla divisione Devices and Services di Nokia che da oggi entra a far parte della nostra famiglia. Le capacità e gli asset nell’ambito dei dispositivi mobile che Nokia porta con sé ci faranno progredire nel nostro percorso di trasformazione” ha commentato Satya Nadella, CEO di Microsoft. “Insieme ai nostri partner, continueremo a perseguire l’obiettivo di creare più velocemente innovazione per il nostro mondo basato su un approccio “mobile-first, cloud-first”.

Stephen Elop, ex Presidente e CEO di Nokia, nel nuovo ruolo di Vice Presidente Esecutivo di Microsoft Devices Group, riporterà direttamente al Ceo Nadella. Elop guiderà la divisione che si occupa di device e comprende gli smarthphone Lumia e i tablet, i telefoni Nokia, l’hardware Xbox, Surface oltre ai prodotti e accessori Perceptive Pixel (PPI). Microsoft spalanca le porte a professionisti del settore e di grande esperienza, provenienti da oltre 130 sedi in 50 paesi del mondo, tra cui alcuni centri di progettazione, sviluppo, produzione, commercializzazione e vendita di una vasta gamma di dispositivi “smart”, oltre a dispositivi e servizi mobile.  Nell’ambito dell’accordo di acquisizione, Microsoft ottempererà agli obblighi di garanzia verso i clienti Nokia per i dispositivi già esistenti.

Microsoft - Nokia, completata l'acquisizione
Microsoft – Nokia, completata l’acquisizione

Microsoft ha pagato 5.44 miliardi euro in totale: 3.79 miliardi per le fabbriche di Nokia, 1.65 miliardi per il portafoglio brevetti di licenza.

Con questa mossa, Microsoft prende il controllo su oltre il 90% del mercato Windows Phone, grazie alla gamma Lumia, ma si occuperà anche dei telefonini Asha e perfino di Nokia X con Android. Microsoft si dedicherà alla supply chain di 200 milioni di telefonini all’anno. D’ora in poi il business della telefonia di Nokia prenderà il nome di “Microsoft Mobile“.

Cn la divisione dei telefoni cellulari di Nokia, Microsoft guarda ai dispositivi low-cost, un segmento di mercato stimato intorno ai 50 miliardi di dollari annui, offrendo la prima esperienza mobile al prossimo miliardo di persone ed estendendo i servizi Microsoft a nuovi clienti in tutto il mondo.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore