DivX Pro Video Pack

Sistemi OperativiWorkspace

Tutto quello che serve per codificarei film in formato divx

Codificare il proprio DVD preferito nel formato DivX non è un’operazione semplicissima, a meno di non utilizzare un prodotto come DivX Pro Video Pack: basta infatti inserire il CD nel lettore del computer e attendere che parta la procedura guidata, con la sola conferma della cartella di destinazione. Oltre al codec DivX in versione professionale (attenzione, quelli scaricabili gratuitamente da Internet non consentono la codifica del video, ma solo la decodifica per visualizzarlo), viene installato il classico riproduttore DivX e la versione italiana di MovieJack 1 un programma anch’esso semplice da usare, tanto da permettere di codificare un film anche a un utente inesperto (in commercio è già distribuita la versione 3). Poiché il CD della confezione non contiene l’ultimissima versione del codec DivX (in questo settore le novità si susseguono con una cadenza quasi settimanale), prima di iniziare a lavorare è consigliabile andare all’indirizzo e scaricare l’aggiornamento gratuito del codec. In dotazione non viene fornito alcun manuale cartaceo, ma una guida in formato elettronico molto dettagliata che spiega in modo semplice ed esauriente anche il significato dei termini tecnici utilizzati dal programma. Quando si lancia MovieJack per la prima volta viene attivata una procedura guidata che consente di impostare i parametri più importanti come la qualità dell’immagine, la lingua e i sottotitoli; fatte queste scelte è sufficiente inserire il DVD nel lettore, premere un tasto e attendere che MovieJack finisca l’elaborazione. Il tempo necessario a effettuare la codifica dipende da alcuni fattori, i principali sono la potenza del computer e la qualità video selezionata. Per dare un’idea, con un Pentium 4 a 3 GHz e un cartone animato della durata di circa 80 minuti, scegliendo la massima qualità, abbiamo atteso poco più di un’ora e mezza. Ricordiamo che mentre viene codificato il DVD, è sempre possibile utilizzare il sistema con programmi non troppo esosi di risorse come Word o Excel. I più esperti possono tarare il codec DivX tramite la finestra ‘Impostazioni avanzate’: è possibile, per esempio, regolare il bitrate sia dell’audio sia del video, la risoluzione dei fotogrammi e la codifica bidirezionale: anche in questo caso, comunque, sono disponibili delle finestre di aiuto per comprendere il significato del parametro che si vuole modificare. Una volta che il film è stato codificato, è possibile masterizzarlo su CD o su DVD. In questo caso si seleziona il masterizzatore e si indica la dimensione del supporto ottico, in modo che MovieJack sia in grado di dividere correttamente il file. Per concludere, possiamo affermare che DivX Pro Video Pack è una soluzione molto interessante sia per il neofita sia per l’esperto. Peccato solo che non sia in grado di gestire i formati Video CD e Super Video CD, supportati dalla maggior parte dei lettori DVD domestici.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore